Piano Urbanistico Comunale di Selargius (PUC)
Norme Tecniche di Attuazione (NTA)

Normativa Comunale: Selargius

StatoIn fase di Validazione
A2_1
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_10
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_11
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_12
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_13
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_14
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_15
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_16
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_17
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_18
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_19
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_2
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_20
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_21
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_22
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_23
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_24
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_25
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_26
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_27
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_28
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_29
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_3
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_30
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_31
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_32
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_33
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_34
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_35
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_36
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_37
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_38
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_39
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_4
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_40
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_41
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_42
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_43
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_44
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_45
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_46
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_47
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_48
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_49
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_5
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_50
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_51
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_52
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_6
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_7
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_8
ZONA A - CENTRO STORICO
A2_9
ZONA A - CENTRO STORICO
B1_1
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_10
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_11
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_12
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_13
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_14
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_15
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_16
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_17
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_18
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_19
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_2
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_20
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_21
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_22
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_23
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_24
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_25
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_26
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_27
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_28
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_29
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_3
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_30
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_31
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_32
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_33
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_34
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_35
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_36
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_37
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_38
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_39
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_4
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_40
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_41
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_42
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_43
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_44
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_45
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_46
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_47
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_48
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_49
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_5
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_50
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_51
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_52
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_53
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_54
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_55
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_56
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_57
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_58
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_59
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_6
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_60
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_61
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_62
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_63
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_64
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_65
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_66
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_67
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_68
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_69
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_7
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_70
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_71
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_72
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_73
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_74
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_75
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_76
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_77
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_78
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_79
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_8
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_80
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_81
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_82
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_83
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_84
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_85
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_86
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_87
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_88
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_89
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_9
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_90
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_91
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_92
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_93
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_94
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_95
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_96
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B1_97
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_1
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_10
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_100a
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_100b
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_100c
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_11
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_12
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_13
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_14
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_15
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_16
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_17
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_18
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_19
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_2
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_20
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_21
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_22
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_23
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_24
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_25
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_26
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_27
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_28
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_29
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_3
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_30
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_31
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_32
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_33
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_34
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_35
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_36
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_37
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_38
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_39
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_4
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_40
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_41
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_42
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_43
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_44
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_45
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_46
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_47
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_48
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_49
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_5
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_50
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_51
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_52
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_53
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_54
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_55
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_56
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_57
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_58
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_59
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_6
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_60
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_61
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_62
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_63
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_64
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_65
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_66
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_67
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_68
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_69
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_7
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_70
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_71
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_72
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_73
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_74
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_75
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_76
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_77
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_78
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_79
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_8
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_80
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_81
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_82
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_83
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_84
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_85
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_86
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_87
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_88
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_89
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_9
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_90
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_91
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_92
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_93
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_94
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_95
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_96
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_97
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_98
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_99a
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B2_99b
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_1
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_10
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_11
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_12
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_13
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_14
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_15
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_16
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_2
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_3
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_4
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_5
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_6
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_7
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_8
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B3_9
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B4_1
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B4_2
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B4_3
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B4_4
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B4_5
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
B4_6
ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4
C1_1
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_10
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_11
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_12
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_13
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_14
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_15
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_16
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_17
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_18
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_19
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_2
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_20
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_21
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_22
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_23
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_24
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_25
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_26
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_27
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_28
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_29
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_3
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_30
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_31
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_32
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_33
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_34
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_35
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_36
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_37
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_38
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_39
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_4
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_40
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_41
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_42
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_43
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_44
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_45
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_46
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_47
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_48
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_49
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_5
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_50
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_51
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_52
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_6
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_7
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_8
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C1_9
SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE
C3_1a
SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA
C3_1b
SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA
C3_2
SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA
C3_3
SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA
C3_4
SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA
C3_5
SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA
C3_6
SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA
D2_1
ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE
D2_2
ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE
D2_3
ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE
D2_4
ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE
D2_5
ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE
D2_6
ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE
D2_7
SOTTOZONA D2.7 SOGGETTA AD ACCORDI SOSTITUTIVI
D2_7a
SOTTOZONA D2.7 SOGGETTA AD ACCORDI SOSTITUTIVI
D2_7b
SOTTOZONA D2.7 SOGGETTA AD ACCORDI SOSTITUTIVI
D2_7c
SOTTOZONA D2.7 SOGGETTA AD ACCORDI SOSTITUTIVI
D2_8
SOTTOZONA D2.8 - PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA, EDILIZIA E AMBIENTALE
D2_9
ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE
E1_1
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_10
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_11
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_12
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_13
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_14
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_15
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_16
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_17
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_18
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_19
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_2
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_20
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_21
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_22
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_23
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_3
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_4
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_5
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_6
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_7
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_8
ZONA E - AREE AGRICOLE
E1_9
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_1
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_10
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_11
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_12
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_13
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_14
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_15
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_2
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_3
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_4
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_5
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_6
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_7
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_8
ZONA E - AREE AGRICOLE
E2_9
ZONA E - AREE AGRICOLE
G1_1
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_10
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_11
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_12
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_13
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_14
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_15
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_16
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_17
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_18a
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_18b
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_19
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_2
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_20
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_21
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_22
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_23
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_24
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_25a
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_25b
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_26
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_27
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_28
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_29
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_3
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_30
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_31
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_32
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_33
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_34
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_35
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_36
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_37
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_38
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_39
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_40
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_41
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_42
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_4a
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_4b
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5a
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5b
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5c
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5d
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5e
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5f
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5g
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5h
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5i
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5l
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_5m
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_6/I
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_7
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_8
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G1_9
SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO
G2_1
SOTTOZONA G2 - PARCHI, STRUTTURE PER LO SPORT E IL TEMPO LIBERO
G4_1
SOTTOZONA G4 - INFRASTRUTTURE A LIVELLO DI AREA VASTA
G4_2
SOTTOZONA G4 - INFRASTRUTTURE A LIVELLO DI AREA VASTA
H1_1
SOTTOZONA H1 - DI SALVAGUARDIA ARCHEOLOGICA
H3_1
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_10
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_11
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_12
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_13
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_14
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_15
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_16
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_2
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_3
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_4
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_5
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_6
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_7
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_8
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
H3_9
SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE
S1_1
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_10
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_11
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_2
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_3
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_4
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_5
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_6
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_7
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_8
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S1_9
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_1
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_10
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_11
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_12
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_13
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_14
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_15
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_16
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_17
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_18
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_19
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_2
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_20
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_21
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_22
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_23
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_24
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_25
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_26
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_27
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_3
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_4
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_5
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_6
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_7
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_8
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S2_9
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_1
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_10
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_11
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_12
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_13
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_14
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_15
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_16
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_17
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_18
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_19
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_2
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_20
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_21
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_22
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_23
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_24
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_25
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_26
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_27
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_28
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_29
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_3
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_30
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_31
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_32
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_33
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_34
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_35
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_36
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_37
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_38
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_39
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_4
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_40
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_41
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_42
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_43
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_44
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_5
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_6
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_7
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_8
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S3_9
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_1
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_10
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_11
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_12
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_13
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_14
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_15
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_16
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_2
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_3
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_4
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_5
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_6
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_7
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_8
AREE S – STANDARD URBANISTICI
S4_9
AREE S – STANDARD URBANISTICI
VIAB
viabilità in ambito extraurbano

Articolo: 1 - FINALITÀ

  1. Le presenti Norme Tecniche di Attuazione (NTA), redatte ai sensi: del D.A.EE.LL.F.U. n. 2266/U del 20/12/1983, della L.R. n. 23 del 11/10/1985, della L.R. n. 45 del 22/12/1989, del

    D.P.G.R. n.228 del 03/08/1994; del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001, del P.P.R. approvato con

    D.P.G.R. n.82 del 07/09/2006, abrogano, dopo la pubblicazione sul BURAS quelle del P.R.G. vigente approvato con decreto n. 71/S.G. del 13 Marzo 1972 e le relative NTA.

  2. Le NTA disciplinano le modalità di trasformazione ammissibili nell’intero territorio comunale. Anche se non espressamente richiamate, dovranno essere osservate tutte le norme sovraordinate riguardanti la materia, immediatamente applicabili senza la necessità di essere recepite nelle presenti norme e ciò anche se emanate successivamente alla loro adozione.
  3. In caso di contrasto tra diversi elaborati del PUC (tavole grafiche, regolamento edilizio, NTA) l’interpretazione dovrà essere tale che l’applicazione abbia un senso compiuto e coerente con le relazioni di studio dei tre assetti (Ambientale, Storico Culturale, Insediativo).
  4. Per le definizioni edilizie, quelle dei parametri tecnico-costruttivi e degli indici urbanistici, si rimanda ai titoli terzo e quarto del Regolamento Edilizio (RE).
  5. Diverse zone del P.U.C. già attuate, o in fase di attuazione, classificate dalle presenti norme con il codice “C1.iesimo” sono disciplinate dai piani attuativi approvati. L’edificazione dei lotti liberi e/o il completamento, è disciplinato dalle norme di attuazione del piano attuativo, dalle tipologie edilizie e dalle convenzioni urbanistiche registrate.
  6. Diverse zone attuate, che nel P.R.G. vigente erano classificate come zone “S2”, trattandosi di fatto di destinazioni d’uso compatibili con i servizi generali, sono state riclassificate con il presente piano come zona G1.iesima. Rimangono pertanto confermate tutte le volumetrie esistenti. La modifica dello stato di fatto che comporti incrementi o riduzioni di volumetrie, dovrà essere oggetto di apposito piano attuativo di iniziativa pubblica o privata da approvarsi ai sensi degli artt. 20 e 21 della L.R. n. 45/89.

Articolo: 2 - ZONA A - CENTRO STORICO

  1. DEFINIZIONE: riguarda il nucleo storico dell'abitato, classificato come sottozona A2, riperimetrato a seguito dell’individuazione del “Centro di Antica e Prima Formazione” di cui alla Determinazione RAS n°1444/DG del 10/12/2007. La perimetrazione delle PUC di cui all’elaborato n°1 della sezione del PUC denominata Pianificazione Attuativa si discosta leggermente dalla perimetrazione di cui alla determinazione n°1444/DG a causa del maggior dettaglio della nuova cartografia disponibile a scala 1:500 e ai sopralluoghi sul posto. Tali lievi modifiche non cambiano però le unità edilizie (lotti) interessate.
  2. La zona A (Centro Storico) si attua previa approvazione della variante al Piano Particolareggiato del Centro Storico (PPCS), in attuazione dell’art. 52 delle NTA del PPR e dell’ art. 9 della LR 28/98.
  3. INTERVENTI AMMISSIBILI: sino all’approvazione della variante al PPCS, per quanto compatibile, si applica la normativa della "Variante al Piano Particolareggiato del Centro Storico in adeguamento all'art. 52 delle NTA del PPR vigente”, adottata definitivamente, ai sensi e per gli effetti degli artt. 20 e 21 della L.R. 22.12.1989 n°45 e ss.mm.ii., con Deliberazione di Consiglio Comunale n°88 del 02.10.2009, per le parti dichiarate coerenti dal C.T.R.U.
  4. In esecuzione della variante di cui al comma 3°, gli interventi ammissibili si dividono, a seconda dell’immobile, nel modo seguente:

    1. per gli immobili coerenti con le disposizioni del PPR (edifici a "conservazione integrale") si potrà procedere all'attuazione delle parti del Piano Particolareggiato;
    2. per le parti restanti, sino all’approvazione della variante al PPCS, sono ammissibili unicamente gli interventi di: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia interna. Per ristrutturazione interna s’intende quanto riportato dall’art. 3 del DPR 380/01 con il vincolo di mantenimento della sagoma del prospetto sulla pubblica via. E’ altresì consentita la sostituzione di infissi non compatibili con la tradizione e la storia del centro storico di Selargius.
  5. DESTINAZIONI D’USO:

    1. oltre alla residenza sono ammessi: esercizi commerciali per la vendita al minuto, attività artigianali non moleste non pericolose e non inquinanti di beni e servizi alle famiglie, pubblici esercizi, uffici e studi privati, autorimesse, strutture associative, sanitarie, sociali e religiose, attività culturali, turistiche, della ricerca, strutture direzionali, di ristoro, per l’ospitalità alberghiera e paralberghiera diffusa e di qualità;
    2. per quanto concerne il numero e le dimensioni delle attività commerciali si rimanda allo specifico Piano Commerciale Comunale.
  6. INDICE DI FABBRICABILITÀ FONDIARIO MEDIO:

    1. E’ fissato in 3,00 mc/mq, così come previsto nel Piano Particolareggiato precedente, salvo quanto emergerà dalla variante allo stesso Piano Particolareggiato e pertanto potrà essere maggiore o minore secondo le risultanze dello studio.
    2. L’indice è riferito alla superficie reale del lotto, rilevata e calcolata con sistema grafico- analitico.
  7. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO: è pari al 50%, salvo quanto emergerà dalla variante al Piano Particolareggiato.
  8. ALTEZZA MASSIMA:

    1. E’ pari a 7,50 m, con 2 piani fuori terra, così come previsto nel Piano Particolareggiato precedente.
    2. Per gli interventi di risanamento non è consentito superare l’altezza media prevalente degli edifici preesistenti computate senza tenere conto di sovrastrutture o di sopraelevazione aggiunte alle antiche strutture.
    3. Per le eventuali trasformazioni o nuove costruzioni, quando ammesse, l'altezza massima di ogni edificio non può superare l'altezza degli edifici circostanti di carattere storico-artistico o ambientale.
    4. Sotto il profilo altimetrico sono assentibili sfalsamenti tra i piani dei fabbricati contermini non superiori a cm 50 qualora non specificato diversamente negli elaborati di progetto.
  9. TIPOLOGIE EDILIZIE: edifici tradizionali del nucleo storico selargino o coerenti con i primi, inseriti nel Piano Particolareggiato del Centro Storico.
  10. DISTACCO MINIMO TRA PARETI FINESTRATE: vale quanto previsto dal Regolamento Edilizio; in particolare il comma 9 dell’art. 28 consente delle deroghe al fine di migliorare le condizioni igieniche dei fabbricati esistenti, mentre l’art. 53 consente delle deroghe per il miglioramento delle prestazioni acustiche ed energetiche degli edifici.
  11. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI DEL LOTTO: le distanze tra gli edifici, ove non sia tecnicamente opportuno costruire sul confine, non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra gli edifici preesistenti, computate senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore storico, artistico o ambientale.
  12. Si da atto che tutti i parametri sopra elencati (superficie coperta, altezza, distacchi, ecc…) possono essere modificati solo in presenza dello studio del piano particolareggiato e in ragione del rispetto e valorizzazione dell’edificato storico esistente.
  13. PARCHEGGI PRIVATI:

    1. Si rimanda all’art. 31 del Regolamento Edilizio.
    2. Ad integrazione della superficie di 1 mq ogni 10 mc di volume edificato, per le unità immobiliari destinate ad attività commerciali o altre attività per le quali è prevista una maggiore dotazione di parcheggi, dovrà essere garantita all’interno del lotto una superficie a parcheggio pari a 80 mq ogni 100 mq di superficie lorda interna al netto dei muri perimetrali. Le attività commerciali che dovranno essere ubicate in fabbricati esistenti, potranno usufruire della possibilità dell’asservimento per garantire gli standard di parcheggio ubicandoli in lotti vicini, entro un raggio di 100 metri. L’asservimento dovrà risultare da atto pubblico.
    3. Il piano commerciale indicherà quelle attività di carattere commerciale che svolgono una funzione sociale, a impatto trasportistico nullo, per i quali si deroga alla necessità di reperire i parcheggi, in attuazione della D.G.R. 55/108/2000 e ss.mm.ii.
    4. Salvo i casi di cui al precedente punto “c”, é comunque obbligatorio prevedere almeno 1 posto auto, al netto degli spazi di manovra, per ogni nuova unità abitativa residenziale o unità destinata a studi professionali.
    5. In parziale deroga alla precedente lettera d) è consentito, previa dimostrazione della non fattibilità tecnica alla realizzazione di 1 posto auto/unità, monetizzare la quota del posto auto/unità, con riferimento ad una superficie di parcamento/posto auto sino ad un massimo di mq 20 per edificio, solo ed esclusivamente nel caso in cui non sia possibile garantire l’accessibilità veicolare del lotto o nel caso in cui non sia possibile realizzare un nuovo accesso carrabile al lotto a causa di vincolo tipologico e/o paesaggistico.
    6. Le previsioni di cui alle lettere d) e e) del presente punto si applicano anche nei casi di frazionamento.
    7. Parcheggi e spazi di manovra dovranno essere correttamente dimensionati ed evidenziati in progetto.
    8. Le aree destinate a parcheggio dovranno essere convenzionate con l’Amministrazione Comunale per l’uso pubblico nelle ore di apertura dell’attività.
    9. Gli spazi non edificati e non destinati a parcheggi, sia pubblici che privati, dovranno essere sistemati a verde e alberi, scelti fra le essenze autoctone. Della sistemazione del verde dovrà essere data opportuna rappresentazione in progetto.

      1. Considerato che il tessuto edilizio storico non consente il rigoroso rispetto delle distanze minime imposte dal Regolamento di attuazione del Codice della Strada, in ordine alla distanza dagli incroci degli accessi carrai, potranno essere assentiti solo ed esclusivamente quegli interventi che prevedano tali accessi a distanza massima dagli incroci compatibilmente con le dimensioni del lotto e del fabbricato.
      2. Si rimanda al comma 7 dell’art. 123 del Regolamento Edilizio per quanto concerne le autorimesse e i posti auto coperti realizzati fuori terra e formanti corpo edilizio autonomo.
  14. FRAZIONAMENTI: sono ammessi qualora comportino una soluzione tecnica accettabile, anche dal punto di vista tipologico, salvo quanto verrà specificato nella variante al Piano Particolareggiato. In nessun caso saranno ammessi frazionamenti se per i lotti derivati occorre applicare deroghe ai parametri edilizi per la loro edificazione.
  15. STANDARD:

    1. Nel centro storico è prevista la dotazione di standard di 18 mq per abitante secondo la ripartizione, di norma, prevista dal decreto Floris. La definizione delle specifiche

      destinazioni d’uso, gli interventi ammissibili, le destinazioni d’uso, gli indici e i parametri urbanistici sono definiti nell’art. 29 delle presenti NTA.

    2. il PUC nella zona omogena “A”, individua i seguenti servizi già attuati o da attuare:

      N. Area Standard nel PUC

      Denominazione

      Ubicazione

      S1.1

      Scuola Materna Putzu - Loddo

      via San Salvatore

      S1.2

      Scuola Materna

      via Dante

      S1.3

      Scuola Elementare

      via Roma

      S2.1

      Biblioteca intercomunale (ex casa Annunziata Putzu)

      via Sant’Olimpia ang. Via Putzu

      S2.2

      Centro Diurno per Anziani

      via Palestro

      S2.3

      Uffici comunali

      via D’Azeglio

      S2.4

      Ex casa del Canonico Putzu

      via Roma

      S2.5

      Ex Carceri Aragonesi

      via Dante ang. Via Roma

      S2.6

      Chiesa S. Antonio

      vico III M.V. Assunta

      S2.7

      Ex casa Collu

      via San Giuliano

      S2.8

      Chiesa S. Giuliano

      via San Giuliano ang. Via San Nicolò

      S2.9

      Ex banco di Sardegna

      via San Nicolò

      S2.10

      Chiesa Maria Vergine Assunta

      piazza M.V. Assunta

      S2.11

      Teatro, centro arti musicali, etc.

      piazza Si ‘e Boi

      S2.12

      ASL

      via Manin

      S2.13

      Ex oratorio

      via San Luigi

      S2.14

      Casa Canonica

      piazza M.V. Assunta ang. via San Luigi

      S2.15

      Centro riabilitativo

      località San Lussorio

      S2.16

      Chiesa San Lussorio

      località San Lussorio

      S2.17

      Centro di aggregazione sociale

      località San Lussorio

      S3.1

      Piazzetta

      via Crimea – via Curtatone

      S3.2

      Piazzetta

      via Sant’Olimpia ang. via S. Salvatore

      S3.3

      Piazzetta

      via San Martino – via Digione

      S3.4

      Piazzetta

      via Roma – via Sant’Olimpia

      S3.5

      Parco San Lussorio

      località San Lussorio

      S4.1

      Parcheggio

      via Roma

      S4.2

      Parcheggio

      via Veneto

    3. le seguenti aree destinate a standard sono interessate da beni storico-culturali, per i quali valgono le prescrizioni stabilite nel PPCS e nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali: S1.1 (Scuola Materna Putzu – Loddo), S1.2 (Scuola Materna di via Dante), S1.3 (Scuola Elementare di via Roma), S2.1 (Biblioteca intercomunale-ex casa Annunziata Putzu), S2.4 (Ex casa del Canonico Putzu), S2.5 (Ex Carceri Aragonesi), S2.6 (Chiesa S. Antonio), S2.7 (Ex casa Collu), S2.8 (Chiesa S. Giuliano), S2.10 (Chiesa Maria Vergine Assunta), S2.11 (Teatro, centro arti musicali, etc.), S2.16 (Chiesa San Lussorio), S2.17 (Centro aggregazione sociale), S3.5 (Necropoli pertinente al Complesso San Lussorio).

Articolo: 3 - PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO (PPCS)

  1. Il Piano Particolareggiato, ai sensi dell’art. 52 delle NTA del PPR, dovrà contenere:

    1. la suddivisione delle unità edilizie e dei relativi volumi elementari, in base alle loro caratteristiche tipologiche e costruttive:

      • organismi con caratteri storico–tradizionali;
      • organismi che conservano i caratteri originali;
      • organismi modificati, compatibili con la tipologia originale;
      • organismi ricostruiti, compatibili con il tessuto tradizionale;
      • organismi recenti o profondamente alterati, in contrasto con il tessuto tradizionale;
      • nuovi volumi assentibili;
    2. l’individuazione degli elementi accessori (loggiati, tettoie, etc.) caratterizzanti gli spazi vuoti di pertinenza degli organismi edilizi, da considerare e salvaguardare nella loro integrità;
    3. la definizione degli interventi ammissibili nel Centro Storico, per tutti i volumi elementari e gli elementi accessori, finalizzati al ripristino del decoro urbano. Si rimanda al comma 7

      dell’art. 102 del Regolamento Edilizio per quanto concerne le recinzioni;

    4. la specificazione degli interventi edilizi ammissibili (classi di trasformabilità), associati ad ogni volume elementare ed elemento accessorio costituenti le unità edilizie, nel rispetto delle tipologie edilizie e delle caratteristiche costruttive tradizionali, con le previsioni di aumenti di volumetria sugli edifici da riqualificare o alterati (sopraelevazioni e accorpamenti). In particolare, per le unità edilizie ed i tessuti sostituiti in tempi recenti, dovranno prevedersi interventi di ristrutturazione edilizia ed urbanistica che per densità, rapporti di pieni e vuoti, altezze, allineamenti e affacci, risultino coerenti e non pregiudizievoli delle preesistenze;
    5. la definizione di abachi, tipi edilizi, tecniche costruttive, elementi decorativi, materiali, aspetti cromatici;
    6. la definizione delle possibilità del frazionamento di unità immobiliari esistenti.
    7. la disciplina relativa al cambio di destinazione d’uso: prevedendo forme di riuso del bene che siano compatibili con la sua costituzione intrinseca e non distruttive della sua identità culturale; incentivando le attività che favoriscano il riuso sostenibile del centro storico, ivi compreso il riutilizzo del patrimonio edilizio dismesso.
    8. la disciplina relativa all’inserimento o alla mitigazione degli impianti tecnologici sotto traccia, privati, contatori, impianti puntuali (condizionatori d’aria, antenne paraboliche, prese d’aria per camini e caldaie). Si rimanda al comma 3 dell’art. 120 del Regolamento Edilizio per quanto concerne l’installazione di antenne.
    9. la disciplina relativa alle insegne e alle indicazioni pubblicitarie, con indicazione della gerarchizzazione e localizzazione puntuale (tipologie, dimensioni e colori). Si rimanda:

        • in linea generale al Piano Generale degli Impianti Pubblicitari (PGIP), approvato con deliberazione di C.C. n°86 del 30.09.2008;
        • al comma 3 dell’art. 97 del Regolamento Edilizio per quanto concerne il divieto di affissione sui muri delle chiese e degli uffici pubblici o di interesse pubblico, tradizionale, storico o artistico;
        • ai commi 10 e 11 dell’art. 97 del Regolamento Edilizio per quanto concerne l’asportazione, lo spostamento la modifica o la conservazione di elementi di interesse storico.
    10. la disciplina relativa alla sistemazione di strade e spazi pubblici (piazze, aree verdi, spazi collettivi), fino alla definizione di abachi sui materiali e sugli arredi urbani (impianti di illuminazione, sedute, etc.). Si rimanda:
    • al comma 5 dell’art. 96 del Regolamento Edilizio per quanto concerne le pavimentazioni delle aree pubbliche;

      • all’art. 100 del Regolamento Edilizio per quanto concerne i percorsi ciclabili;
      • all’art. 101 del Regolamento Edilizio per quanto concerne gli spazi porticati, con particolare riferimento al comma 5 per quanto concerne i materiali e le forme della pavimentazione.

Articolo: 4 - ZONA B - COMPLETAMENTO RESIDENZIALE SOTTOZONE B1-B2-B3-B4

  1. DEFINIZIONE: interessa le zone, totalmente o parzialmente edificate, intorno alla zona A.

    1. la zona di completamento residenziale è suddivisa nelle sottozone: B1, B2, B3, B4;
    2. per la sottozona B2.43, stralciata dal Piano di Lottizzazione Santu Nigola-Bie Settimu, valgono le stesse norme della sottozona B2;
    3. per la sottozona B2.98 (ex B2*) valgono le stesse norme della sottozona B2, ma con l’obbligo di realizzare un percorso pedonale, dotato degli opportuni sottoservizi e impianto di illuminazione, che colleghi la Via Gallus con la Via Don Minzoni. L’area rimarrà di proprietà privata ma assoggettata ad uso pubblico. Una volta realizzata a cura dei proprietari, la manutenzione ordinaria e straordinaria sarà a carico dell’amministrazione comunale.
    4. per la sottozona B2.99.a valgono le stesse norme della sottozona B4. L’area delimitata con il codice B2.99.b è un area confinante con le aree S3 ed il canale di guardia Riu Nou. L’interesse dell’amministrazione è quello di acquisire l’area per destinarla ad S3 in modo da poter realizzare un parco lineare lungo il Riu Nou. L’indice di fabbricabilità per il tratto di area delimitata come B2.99.a è pari a 1,00 mc/mq. Qualora i privati addivenissero ad un accordo, possono proporre all’amministrazione comunale l’attivazione di un accordo integrativo e/o sostitutivo del provvedimento finale ex art. 11 della L.241/90. L’accordo dovrà prevedere i seguenti elementi: A) cessione gratuita all’amministrazione delle aree prospicienti la via Venezia destinate al parco lineare identificato con codice B2.99.b; B) Indice di fabbricabilità fondiario nell’area delimitata dal codice B2.99.a sarà pari a 2,5 mc/mq. L’indice di 2,5 mc/mq potrà essere sfruttato solo dopo aver ceduto, all’Amministrazione Comunale, le aree per il parco. Gli interventi ammissibili nel frattempo saranno solo quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria.
    5. la sottozona B2.100 valgono le stesse norme della sottozona B4. Trattasi di un’area a ridosso della zona B2, avente indice di fabbricabilità fondiario pari a 1 mc/mq. L’interesse dell’amministrazione è quello di acquisire la viabilità necessaria alla prosecuzione della Via Tazzoli e garantire il collegamento viario con la via San Luigi. Tale tratto di area è fondamentale per il collegamento delle fognature della Via Tazzoli al collettore Q2 e al canale scolmatore delle acque meteoriche posto oltre l’argine in

      sinistra del Rio Nou. Il comparto è costituito da due lotti edificabili il cui indice di fabbricabilità fondiario è pari a 1,00 mc/mq. Qualora i privati addivenissero ad un accordo, possono proporre all’amministrazione comunale l’attivazione di un accordo integrativo e/o sostitutivo del provvedimento finale ex art. 11 della L.241/90. L’accordo dovrà prevedere i seguenti elementi:A) cessione gratuita all’amministrazione comunale dell’area B2.100c per la realizzazione della strada; Incremento dell’indice di fabbricabilità fondiaria nelle aree non cedute per viabilità (2 lotti rappresentati con B2.100.a e B2.100.b nell’elaborato n°7 della sezione intitolata Progetto di Piano). L’indice di fabbricabilità in tali lotti è di 2,5 mc/mq. L’edificazione con indice 2,5 mc/mq sarà consentita solo dopo aver ceduto le aree per la viabilità all’Amministrazione Comunale (area B2.100.c).

  2. INTERVENTI AMMISSIBILI:

    1. sono ammessi tutti gli interventi di cui all’art. 3 del DPR 380/01;
    2. per i prospetti degli edifici al confine con il centro storico dovranno essere adottate finiture compatibili con quanto prescritto per il centro storico stesso;
    3. per gli edifici prospettanti i beni storico culturali dovranno essere rispettate, per ogni singolo bene, le specifiche prescrizioni stabilite nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali, con particolare riferimento all’Elaborato 2 (Catalogo dei Beni Storico Culturali della RAS).
  3. DESTINAZIONI D’USO:

    1. oltre alla residenza sono ammessi: esercizi commerciali, attività artigianali non moleste non pericolose e non inquinanti di beni e servizi alle famiglie, pubblici esercizi, uffici e studi privati, autorimesse, depositi, strutture associative, socio-sanitarie a carattere locale, sociali e religiose, attività culturali, turistiche, della ricerca, strutture direzionali, finanziarie, di ristoro, per l’ospitalità alberghiera e paralberghiera diffusa e di qualità;
    2. per quanto concerne il numero e le dimensioni delle attività commerciali si rimanda allo specifico Piano Commerciale Comunale.
  4. INDICE DI FABBRICABILITÀ FONDIARIO: il PUC sulla base dei caratteri dell'insediamento attribuisce alle sottozone i seguenti indici:

    1. Sottozona B1 iff = 3,00 mc/mq;
    2. Sottozona B2 iff = 2,50 mc/mq;
    3. Sottozona B3 iff = 1,50 mc/mq;
    4. Sottozona B4 iff =1,00 mc/mq.
  5. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO: 50% per le B1, 35% per le B2, 25% per le B3 e le B4.
  6. ALTEZZA MASSIMA: 10 m per le B1, 7,50 m per le B2, B3 e B4. Dovrà essere verificato che il rapporto altezza dell’edificio, larghezza della strada sia pari o inferiore a 1,5.
  7. TIPOLOGIE EDILIZIE: sono libere purché risultino validamente inserite nel disegno urbano già definito, con particolare riferimento ai fili fissi degli edifici al contorno, in allineamento o arretramento rispetto alla strada. Nei casi in cui il lotto risulti già edificato con regolare atto autorizzativo e sia possibile, in conformità all'indice di fabbricabilità fondiario, sopraelevare l'edificio esistente, tale sopraelevazione dovrà rispettare i fili fissi del piano sottostante, al fine di non alterare il tessuto urbano circostante.
  8. L’edificazione di fabbricati in aderenza dovrà essere tale che i corpi di fabbrica non abbiano una differenza di profondità superiore a 2,5 metri. Differenze superiori dovranno risultare da convenzioni sottoscritte dai proprietari dei lotti confinanti. Tale regola si applica quando i corpi di fabbrica hanno una profondità di almeno 12 metri. Nella definizione della profondità concorrono anche le pareti laterali ai balconi per evitare gli affacci laterali.
  9. DISTACCO MINIMO TRA PARETI FINESTRATE: 10 metri tra le pareti finestrate di vani abitabili tenuto conto di quanto previsto dal Regolamento Edilizio; in particolare il comma 2,10 dell’art.28 consente delle deroghe al fine di migliorare le condizioni igieniche dei fabbricati esistenti, e dell’art.53 che consente le deroghe per il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici.
  10. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI DEL LOTTO: 2,5 m rispetto al filo stradale e comunque nel rispetto dei fili fissi preesistenti. Si rimanda al comma 8 dell’art. 28 del Regolamento Edilizio per quanto concerne la possibilità di conservare l’allineamento dei fabbricati esistenti nei tratti di strada con tessuto urbano già definito. Si potrà costruire comunque in arretramento di 2,50 metri purché il fronte del lotto abbia uno sviluppo pari o superiore a 16 m. Qualora l’arretramento sia necessario anche per garantire lo standard dei parcheggi, dovrà essere dimostrata l’effettiva fruibilità.
  11. PARCHEGGI PRIVATI: secondo quanto previsto dall’art. 31 del Regolamento Edilizio.
  12. FRAZIONAMENTI: sono ammessi, nel rispetto dei parametri urbanistico-edilizi, sia per i lotti liberi che per quelli interessati da fabbricati. Nelle ristrutturazioni e nelle nuove costruzioni la superficie utile minima dell’80% delle unità edilizie non potrà essere inferiore a 70 mq. Il 20% potranno essere monolocali di superficie minima di 35 mq. Per interventi sino a 5 unità abitative al massimo ci potrà essere un locale a destinazione abitativa di superficie utile minima netta di 35 mq. Per interventi da 6 a 10 unità, al massimo, ci potranno essere due unità edilizie destinate ad abitazione con superficie utile netta non inferiore a 35 mq. In nessun caso il frazionamento sarà assentito se dalla divisione si dovranno derogare norme a distanze o altri parametri edilizi.
  13. STANDARD:

    1. si rimanda all’art. 29 delle presenti NTA per quanto concerne le definizioni, gli interventi ammissibili, le destinazioni d’uso, gli indici e i parametri urbanistici;
    2. il PUC individua nella zona residenziale B i seguenti servizi già attuati o da attuare:

      N. Area Standard nel PUC

      Denominazione

      Ubicazione

      S1.4

      Asilo Nido

      via Milazzo

      S1.5

      Scuola materna M.V. Assunta

      via San Luigi

      S1.6

      Baby School 100

      via Oristano

      S1.7

      Scuola Materna

      via Bellini

      S1.8

      Scuola Elementare

      via Parigi

      S1.9

      Scuola Elementare

      via Rossini

      S1.10

      Scuola Elementare

      via Leonardo da Vinci

      S1.11

      Scuola Media Dante Alighieri

      via Bixio

      S2.18

      Chiesa SS. Salvatore e Centro Don Orione

      piazza Don Orione

      S2.19

      Casa di Riposo

      piazza Don Orione

      S2.20

      Poliambulatorio ASL

      via Mazzini

      S2.21

      Ex Cinema Astra

      via Tazzoli

      S2.22

      Oratorio S. Luigi

      via Cavour

      S2.23

      Palazzo Comunale

      via Istria

      S2.24

      Ufficio Postale

      via Trieste

      S2.25

      Edificio ad uso abitativo da cedere all’Amministrazione Comunale, attraverso l’attivazione di accordi pubblico privato (ex art. 11 della L. 241/90), in cambio di due lotti nella sottozona C3.4 – comparto n°3, altrimenti verrà riclassificato in B2.

      Piazza martiri di Buggerru

      S2.26

      Centro di Aggregazione di quartiere

      via Pira angolo via Deledda

      S2.27

      Chiesa Don Bosco

      via Don Bosco

      S3.7

      Area affianco al canale - da attuare

      canale Riu Mortu

      S3.8

      Piazzetta

      piazza Giovanni XIII

      S3.9

      Piazzetta

      piazza Giovanni XIII

      S3.10

      Piazzetta da attuare

      via Deledda

      S3.11

      Campo da calcio Generale Porcu

      via Della Resistenza

      S3.12

      Parco lineare da attuare in località S. Lucia

      canale Riu Nou

      S3.13

      Edificio da cedere all’Amministrazione Comunale, attraverso l’attivazione di accordi pubblico privato (ex art. 11 della L. 241/90), in cambio di un lotto nella sottozona D2.7 – comparto n°7 che consenta di sviluppare la stessa superficie coperta. Gli interventi ammissibili nel frattempo saranno solo quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria, senza cambio di destinazione d’uso.

      via I Maggio

      S3.14

      Spartitraffico

      Via I Maggio – Via Manin

      S3.15

      Parco lineare da attuare in località Canelles (sottozona C3.1-comparto n°4)

      canale Riu Nou

      S3.16

      Parco lineare da attuare in località Canelles (sottozona C3.1-comparto n°4)

      canale Riu Nou

      S3.17

      Parco lineare da attuare in località Su Coddu (sottozona C3.1-comparto n°4)

      S.S. 554

      S3.18

      Parco lineare da attuare in località Su Coddu (sottozona C3.2-comparto n°5)

      S.S. 554

      S3.19

      Parco lineare da attuare in località Su Coddu (sottozona C3.2-comparto n°5)

      canale Riu Nou

      S3.20

      Piazza sull’area tombata del canale

      canale Riu Nou

      S3.21

      Piazzetta

      via Venezia – via Oristano

      S3.22

      Piazza da attuare (sottozona C3.4-comparto n°3)

      via Bixio

      S3.23

      Piazzetta

      via Manin - via San Luigi

      S3.24

      Piazzetta

      via Manin - via San Luigi

      S3.25

      Piazza Cellarium

      piazza Cellarium

      S3.26

      Oratorio S. Luigi

      via Cavour

      S3.27

      Piazzetta

      via Custoza ang. via Bellini

      S3.28

      Spartitraffico

      piazza Don Orione

      S3.29

      Aiuola

      Via Terr’e Forru ang. Via Campi Elisi

      S3.30

      Parco lineare da attuare in località Serrianedda (sottozona C3.1-comparto n°4)

      S.S. 554

      S3.31

      Parco lineare da attuare in località Serrianedda (sottozona C3.1-comparto n°4)

      S.S. 554

      S3.32

      Parco lineare da attuare in località Serrianedda (sottozona C3.1-comparto n°4)

      S.S. 554

      S3.33

      Parco lineare da attuare (sottozona C3.1-comparto n°4)

      S.S. 554

      S3.34

      Piazza da attuare (sottozona C3.1-comparto n°4)

      via Roma

      S3.35

      Piazza da attuare in località Terr’e Forru (sottozona C3.1-comparto n°4)

      pressi cimitero

      S3.36

      Piazza da attuare (sottozona C3.1-comparto n°4)

      via Roma

      S3.37

      Piazza antistante il cimitero

      via Roma

      S3.38

      Parco lineare da attuare in località Santu Nigola (sottozona C3.3-comparto n°6)

      S.S. 554

      S3.39

      Piazzetta da attuare in località Santu Nigola (sottozona C3.3-comparto n°6)

      via Sanzio ang. via San Mauro

      S3.40

      Campo da calcio

      località San Lussorio

      S3.41

      Area da cedere all’Amministrazione Comunale, con possibilità di attivare accordi pubblico privato (ex art. 11 della L. 241/90) nell’ambito del comparto n°4 per la realizzazione di residenze nella sottozona C3.1, considerando per quest’area ift = 1 mc/mq.

      Pressi via delle Begonie

      S3.42

      Area da cedere all’Amministrazione Comunale, con possibilità di attivare accordi pubblico privato (ex art. 11 della L. 241/90) nell’ambito del comparto n°4 per la realizzazione di residenze nella sottozona C3.1, considerando per quest’area ift = 1 mc/mq.

      Pressi via delle Begonie

      S3.43

      Area da cedere all’Amministrazione Comunale, con possibilità di attivare accordi pubblico privato (ex art. 11 della L. 241/90) nell’ambito del comparto n°3 per la realizzazione di residenze nella sottozona C3.4, in cambio della corrispondente volumetria realizzabile, con ift della sottozona B2 (2,5 mc/mq). L’edificazione sarà consentita solo dopo aver ceduto l’area all’Amministrazione Comunale.

      Fine Via San Luigi

      S3.44

      Area da cedere all’Amministrazione Comunale, con possibilità di attivare accordi pubblico privato (ex art. 11 della L. 241/90) nell’ambito del comparto n°3 per la realizzazione di residenze nella sottozona C3.4, in cambio della corrispondente volumetria realizzabile, con ift = 1 mc/mq. L’edificazione sarà consentita solo dopo aver ceduto l’area all’Amministrazione Comunale.

      angolo tra la Via della Resistenza e la Via I° Maggio

      S4.3

      5 aree destinate a parcheggio

      piazza Giovanni XIII

      S4.4

      3 aree destinate a parcheggio

      via Pira

      S4.5

      Parcheggio

      località San Lussorio

      S4.6

      Parcheggio

      via Della Resistenza

      S4.7

      Parcheggio

      Piazza martiri di Buggerru

      S4.8

      Parcheggio

      via Venezia

      S4.9

      7 aree destinate a parcheggio

      via Manin

      S4.10

      Parcheggio

      via Custoza

      S4.11

      Parcheggio antistante il cimitero

      via Roma

      S4.12

      Parcheggio

      via Leonardo da Vinci

      S4.13

      Parcheggio da attuare (sottozona C3.1-comparto n°4)

      pressi cimitero

      S4.14

      Parcheggio da attuare (sottozona C3.2-comparto n°5)

      pressi cimitero

      S4.15

      Parcheggio da attuare

      Via Gallus angolo Via Tazzoli

      S4.16

      Area da espropriare o da cedere all’Amministrazione Comunale, con possibilità di attivare accordi pubblico privato (ex art. 11 della

      L. 241/90) nell’ambito del comparto n°3 per la realizzazione di residenze nella sottozona C3.4, in cambio della corrispondente volumetria realizzabile, con ift = 1 mc/mq. L’edificazione sarà consentita solo dopo aver ceduto l’area all’Amministrazione Comunale. per la realizzazione di parcheggi e di un collegamento pedonale tra le vie Trieste e Oristano.

      via Trieste - via Oristano

    3. le seguenti aree destinate a standard sono interessate da beni storico-culturali, per i quali valgono le prescrizioni stabilite nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali: S2.18 (Chiesa SS. Salvatore), S2.19 (Casa di Riposo in piazza Don Orione), S3.6 (Campo da calcio in località San Lussorio), S3.25 (Piazza Cellarium), S3.28 (Spartitraffico in piazza Don Orione), S3.30, S3.31 (Parco lineare da attuare in località Serrianedda), S3.34 (Piazza da attuare in via Roma), S3.35 (Piazza da attuare in località Terr’e Forru), S3.36 (Piazza da attuare in via Roma), S3.37 (Piazza antistante il cimitero), S4.11 (Parcheggio antistante il cimitero), S4.13 (Parcheggio da attuare nei pressi del cimitero).

Articolo: 5 - ZONA C - ESPANSIONE RESIDENZIALE

  1. DEFINIZIONE: le parti del territorio destinate a nuovi complessi residenziali, che risultino inedificate o nelle quali l'edificazione preesistente non raggiunga i limiti di superficie utilizzata richiesti per le zone B.

    1. il PUC individua le zone per l'espansione residenziale, dimensionandole per unità funzionali integrate, da dotare delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria e delle necessarie opere di allacciamento e quelle necessarie a garantire una corretta e sicura edificazione;
    2. la zona di espansione è suddivisa nelle seguenti sottozone:

      • Sottozona C1 - espansioni pianificate, comprendenti in gran parte tutti i piani attuativi vigenti, attuati o in corso di attuazione, per i quali devono essere rispettate le norme relative ai piani attuativi stessi. Taluni piani comprendono alcune aree stralciate da piani di lottizzazione e un’area cortilizia di un lotto già edificato in territorio di Monserrato;
      • Sottozona C3 - espansioni in programma, comprendenti le nuove zone di espansione (C3.1, C3.2, C3.3, C3.4 in seguito denominate C3.i) del PUC la cui edificazione è subordinata alla formazione di Piani di Lottizzazione Convenzionata. Le aree per poter essere edificate dovranno trovare una soluzione unitaria e coordinata che tenga in giusta considerazione le problematiche evidenziate nei due assetti: Ambientale e Storico Culturale. Approvato il piano attuativo, i singoli titoli abilitativi potranno essere rilasciati una volta eseguite le opere idrauliche di eliminazione del rischio idrologico. Tra le aree C3i, sono stati individuati tre lotti di natura residuale (C3.5, C3.6), non accorpabili ad altre zone omogenee data la loro peculiarità, attuabili per concessione edilizia diretta. Si tratta di un lotto stralciato dal Piano di Lottizzazione Bie Pauli (Cogoni Antonio) di proprietà comunale e di un reliquato di 20 mq nella Via Monte Spada al confine con Quartucciu.
      • Le zone omogenee, C3.1, C3.4 e G1.36 sono aree soggette a trasformazione urbanistica che, come detto, deve avvenire nel rispetto degli elementi particolari emersi dagli studi dei tre assetti: Ambientale, Storico Culturale e Insediativo. Tali studi, hanno evidenziato la necessità di realizzare una viabilità che consenta di risanare sotto il profilo acustico e ambientale il primo centro abitato. Inoltre, per salvaguardare la saldatura dell’edificato della Selargius Est e Ovest, sempre del primo centro abitato, la predetta viabilità costituirà l’asse ideale di un parco verde lineare che unisce i due grandi parchi urbani identificabili, uno a ridosso del Rio Mortu e l’altro nel maggior compendio del Parco di San Lussorio. Il parco lineare a ridosso della strada proseguirà sino ad incontrare le aree verdi poste a ridosso della strada SS 554 per proseguire congiungendosi al parco lineare del Rio Nou giungendo così nell’area Parco del Molentargius nel Bella Rosa Minore. L’ipotesi progettuale di riferimento è riportata nella Tavola 12 del progetto di piano . La viabilità sarà costituita da due corsie per senso di marcia (una per i mezzi pubblici e l’altra per i veicoli privati) separate da uno spartitraffico centrale alberato. Ai lati della

    strada saranno previste della ampie aree di verde attrezzato la cui dimensione media per lato oscilla tra i 30 e i 50 metri. L’ipotesi della tavola è atto di indirizzo nell’attuazione del PUC e su tale studio sono stati determinati gli standard di cessione soprattutto del verde attrezzato. Nel rispetto degli standard stabiliti per i tre comparti C3.1, C3.4 e G1.36, l’unico elemento vincolante è il mantenere riconoscibile il percorso del corridoio verde oggi riconoscibile. Pertanto ci potranno essere delle riduzioni e degli allargamenti del corridoio verde anche in relazione alla realizzazione delle vasche di laminazione necessarie al rispetto dell’invarianza idraulica, inserendosi nel contesto urbano e del verde attrezzato quali elementi di raccolta e deflusso naturale delle acque.

  2. INTERVENTI AMMISSIBILI:

    1. in assenza di piani attuativi, negli immobili esistenti, sono ammessi i seguenti interventi: modifiche di destinazione, anche senza opere, fra gli usi residenziali e non, ammessi nella zona, opere interne, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo.
    2. in presenza di piani attuativi sono ammessi i seguenti interventi edilizi:

      • tutti gli interventi di cui all’art. 3 del DPR 380/01;
      • per gli edifici prospettanti su beni storico culturali dovranno essere rispettate per ogni singolo bene le specifiche prescrizioni, stabilite nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali, con particolare riferimento all’Elaborato 2 (Catalogo dei Beni Storico Culturali della RAS).
  3. DESTINAZIONI D’USO:

    1. oltre alla residenza sono ammessi: esercizi commerciali, attività artigianali non moleste non pericolose e non inquinanti di beni e servizi alle famiglie, pubblici esercizi, uffici e studi privati, autorimesse, depositi, strutture associative, sanitarie, sociali e religiose, attività culturali, turistiche, della ricerca, strutture direzionali, finanziarie, di ristoro, per l’ospitalità alberghiera e paralberghiera diffusa e di qualità; Le attività sanitarie, alberghiere dovranno avere un raggio d’influenza comunale altrimenti troveranno ubicazione nelle zone G (servizi generali).
    2. per quanto concerne il numero, l’ubicazione e le dimensioni delle attività commerciali delle medie strutture di vendita si rimanda allo specifico Piano Commerciale Comunale.
  4. INDICE DI FABBRICABILITÀ TERRITORIALE

    1. per le sottozone C1 interessate da piani attuativi approvati, attuati o in corso di attuazione, valgono gli indici previsti dal PRG previgente, pertanto:

      • ex sottozona C1 da PRG ift = 1,50 mc/mq;
      • ex sottozona C2 da PRG ift = 1,00 mc/mq;
      • ex sottozona C1* da PRG ift = 1,40 mc/mq;
      • ex sottozona C1** da PRG ift = 1,50 mc/mq;
      • ex sottozona C2* da PRG ift. - differenziato per ogni Piano di Zona.
    2. per la sottozona C1.40 ift = 1,00 mc/mq. Trattasi di parte di un lotto già edificato in territorio di Monserrato di cui tale sottozona C1.40 costituisce parte della relativa area cortilizia. In concreto questa volumetria non potrà essere utilizzata salvo accordi di natura intercomunale allo stato non ipotizzabili stante il tessuto urbano ed edilizio consolidato nei due comuni contermini. Pertanto si conferma la destinazione di area cortilizia di zona di espansione già attuata in Comune di Monserrato e senza la concreta possibilità di essere accorpato ad altri lotti;
    3. per le sottozone C1.41, C1.42, C1.43, C1.44, stralciate dal Piano di Lottizzazione Sa Serrianedda ift = 1,50 mc/mq. Tali sottozone sono state oggetto di interventi abusivi e oggetto di istanza di condono. Gli interventi sono attuabili per concessione edilizia diretta. Il singolo intervento, in caso di impossibilità a cedere le aree per servizi nella misura di 18 mq per abitante, comporta la monetizzazione delle predette aree affinché l’Amministrazione Comunale possa acquisirle al patrimonio comunale tra le aree individuate “S” nel PUC, soggette a procedimenti ablativi. Il costo della monetizzazione è pari al valore di mercato di un’area di caratteristiche equivalenti. Si da atto che il dimensionamento degli standard delle zone “S” è tale da soddisfare il fabbisogno delle zone A e B, nonché le mancate cessioni nei singoli comparti delle zone omogenee “C” derivanti da interventi di abusivismo edilizio e oggetto di condono.
    4. per la sottozona C1.45 stralciata dal Piano di Lottizzazione Terr' e Forru (Putzu Igino) ift = 1,00 mc/mq. Il lotto è interessato da interventi edilizi oggetto di condono edilizio. Tale lotto potrà essere attuato con concessione edilizia diretta previa verifica della quantità di cessioni per standard. Nell’impossibilità di cedere la quantità calcolata potrà essere fatta la monetizzazione. Si da atto che il dimensionamento degli standard delle zone “S” è tale da soddisfare il fabbisogno delle zone A e B, nonché le mancate cessioni nei singoli comparti delle zone omogenee “C” derivanti da interventi di abusivismo edilizio e oggetto di condono.
    5. per la sottozona C1.46, stralciata dal Piano di Lottizzazione Terr' e Forru (Putzu Igino), l’indice è nullo poiché trattasi di porzioni di lotti destinati a verde privato; questa situazione di fatto impone la rideterminazione della perimetrazione della zona omogenea C1.25 del Piano di Lottizzazione Terr' e Forru (Putzu Igino), includendo nello stesso quest’area C1.46 priva di volumetria e quindi destinata ad area cortilizia. Per la zona omogenea C1.25 viene rideterminato l’indice di fabbricabilità territoriale in ragione della volumetria massima sviluppabile dalla C1.25, ragguagliata con l’area ottenuta dalla somma della C1.25 e della C1.46 cortilizia. La determinazione del nuovo indice di fabbricabilità territoriale non modifica i

      diritti acquisiti e quindi l’indice di edificabilità fondiaria dei lotti convenzionati.

    6. per la sottozona C1.47 stralciata dal Piano di Lottizzazione Canelles-San Lussorio ift=1,00 mc/mq. Il lotto è interessato da interventi edilizi oggetto di condono edilizio. Tale lotto potrà essere attuato con concessione edilizia diretta previa verifica della quantità di cessioni per standard. Nell’impossibilità di cedere la quantità calcolata potrà essere fatta la monetizzazione. Si da atto che il dimensionamento degli standard delle zone “S” è tale da soddisfare il fabbisogno delle zone A e B, nonché le mancate cessioni nei singoli comparti delle zone omogenee “C” derivanti da interventi di abusivismo edilizio e oggetto di condono.
    7. per la sottozona C1.48 stralciata dal Piano di Lottizzazione Cardia-Bie Pauli ift =1,00 mc/mq. Il lotto è interessato da interventi edilizi oggetto di condono edilizio. Tale lotto potrà essere attuato con concessione edilizia diretta previa verifica della quantità di cessioni per standard. Nell’impossibilità di cedere la quantità calcolata potrà essere fatta la monetizzazione. Si da atto che il dimensionamento degli standard delle zone “S” è tale da soddisfare il fabbisogno delle zone A e B, nonché le mancate cessioni nei singoli comparti delle zone omogenee “C” derivanti da interventi di abusivismo edilizio e oggetto di condono.
    8. per le sottozone C1.49, C1.50, C1.51, stralciate dal Piano di Lottizzazione Bie Palma (Ing. Cogoni) ift = 1,00 mc/mq. I lotti sono interessati da interventi edilizi oggetto di condono edilizio. Tali lotto potranno essere attuati con concessione edilizia diretta previa verifica della quantità di cessioni per standard. Nell’impossibilità di cedere la quantità calcolata potrà essere fatta la monetizzazione. Si da atto che il dimensionamento degli standard delle zone “S” è tale da soddisfare il fabbisogno delle zone A e B, nonché le mancate cessioni nei singoli comparti delle zone omogenee “C” derivanti da interventi di abusivismo edilizio e oggetto di condono.
    9. per la sottozona C1.52, stralciata dal Piano di Risanamento Paluna San Lussorio. Trattasi di un area che di fatto è pertinenza di fabbricati che sono stati oggetto di condono edilizio. Tale pertinenza fuori esce dal perimetro del Piano di Risanamento Urbanistico. La sua inclusione in un’altra zona omogenea impedirebbe l’attuazione della stessa. Questa situazione impone l’inclusione della pertinenza all’interno della perimetrazione del PRU e senza che ciò comporti una potenzialità edificatoria. Pertanto occorre riperimetrare la zona omogenea del Piano di Risanamento Paluna San Lussorio, C1.2, includendo nella stessa l’area C1.52 priva di volumetria e quindi destinata ad area cortilizia. Per la zona omogenea C1.2 viene rideterminato l’indice di fabbricabilità territoriale in ragione della volumetria massima sviluppabile dalla C1.2, ragguagliata con l’area ottenuta dalla somma della C1.2 e della C1.52 cortilizia. La determinazione del nuovo indice fabbricabilità territoriale avviene senza modificare i diritti acquisiti e quindi senza la modifica dell’indice di fabbricabilità fondiaria dei lotti oggetto di convenzionamento.
    10. per le sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4 interessate da nuovi piani di lottizzazione previsti nel PUC:

      • ift= 0,20 mc/mq in assenza di accordi sostitutivi (ex art. 11 della L.241/90);
      • ift differenziato per ogni comparto, rappresentato nell’Elaborato n°7 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano, secondo le specifiche riportate negli articoli successivi, in caso di accordi integrativi o sostitutivi del provvedimento finale (ex art. 11 della L.241/90).
    11. per la sottozona C3.5, lotto stralciato dal Piano di Lottizzazione Bie Pauli (Cogoni Antonio) di proprietà comunale, da attuare tramite concessione diretta, ift = 1 mc/mq.
    12. per la sottozona C3.6, reliquato nella Via Monte Spada al confine con Quartucciu, ift =1,35 mc/mq, in analogia con la destinazione urbanistica già prevista nel PUC di Quartucciu; tale reliquato dovrà formare un unico lotto con quello intercluso retrostante in territorio di Quartucciu. La normativa da applicare è quella del comune di Quartucciu. ( ift=1,50 mc/mq, Hmax= 7,50 m, allineamento ai fili fissi degli edifici esistenti; indice di copertura 0,50 mq/mq)
  5. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO:

    1. per le sottozone C1, interessate da piani attuativi vigenti, attuati o in corso di attuazione, vale quanto previsto da ogni piano attuativo a cui si rimanda;
    2. per le sottozone C1.41, C1.42, C1.43, C1.44: nel caso di demolizione e ricostruzione 45%, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Sa Serrianedda, nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento del rapporto di copertura esistente;
    3. per la sottozona C1.45: nel caso di demolizione e ricostruzione 25%, per uniformità con quanto previsto nel Piano attuativo Piano di Lottizzazione Terr' e Forru (Putzu Igino), nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento del rapporto di copertura esistente;
    4. per la sottozona C1.47: nel caso di demolizione e ricostruzione 35%, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Canelles-San Lussorio, nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento del rapporto di copertura esistente;
    5. per la sottozona C1.48: nel caso di demolizione e ricostruzione 22%, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Cardia-Bie Pauli, nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento del rapporto di copertura esistente;
    6. per le sottozone C1.49, C1.50, C1.51: nel caso di demolizione e ricostruzione 35%, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bie Palma (Ing. Cogoni), nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento del rapporto di copertura esistente;
    7. per le sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4, varrà quanto stabilito da ogni piano attuativo, con o senza accordi sostitutivi (ex art. 11 della L.241/90). Il rapporto di copertura sarà determinato nello studio attuativo in ragione del coefficiente di permeabilità dei terreni quale concorso alla riduzione di tutti i parametri idraulici necessari alla rimozione del vincolo di carattere idrogeologico ovvero alla necessità di dover garantire il corretto equilibrio idrogeologico. In ogni caso la superficie coperta totale, compresa anche di corpi accessori (marciapiedi, camminamenti, tettoie, garage, ecc.) del lotto edilizio, non potrà in nessun caso superare il 50%.

      Il restante 50% dovrà essere sistemato a verde ovvero con pavimentazioni drenanti. In tali comparti si dovrà tendere, sotto il profilo idrologico, a garantire il principio dell’invarianza idraulica. In questi nuovi edifici ogni lotto edilizio dovrà avere un serbatoio di dimensioni adeguate, secondo le risultanze dello studio dell’invarianza idraulica, per trattenere le acque piovane nel periodo di massima intensità di pioggia.

    8. per la sottozona C3.5: 40%, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bie Pauli (Cogoni Antonio);
  6. ALTEZZA MASSIMA:

    1. per le sottozone C1 interessate da piani attuativi vigenti, attuati o in corso di attuazione, vale quanto previsto da ogni piano attuativo a cui si rimanda;
    2. per le sottozone C1.41, C1.42, C1.43, C1.44: nel caso di demolizione e ricostruzione 7,50 m al piano di sistemazione definitiva dei lotti e 8,00 m dalla quota del marciapiede antistante il fabbricato, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Sa Serrianedda, nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento dell’altezza esistente;
    3. per la sottozona C1.45: nel caso di demolizione e ricostruzione 7,50 m, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Terr' e Forru (Putzu Igino), nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento dell’altezza esistente;
    4. per la sottozona C1.47: nel caso di demolizione e ricostruzione 7,50 m, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Canelles-San Lussorio, nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento dell’altezza esistente;
    5. per la sottozona C1.48: nel caso di demolizione e ricostruzione 7,50 m (nel Piano Cardia Bie Pauli non è indicata), nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento dell’altezza esistente;
    6. per le sottozone C1.49, C1.50, C1.51: nel caso di demolizione e ricostruzione 7,50 m per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bie Palma (Ing. Cogoni), nel caso di altri interventi non è ammesso l’incremento dell’altezza esistente;
    7. per le sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4: 18 m; trattasi di altezza massima da non superare. Compatibilmente con la natura degli studi specialistici dell’assetto ambientale e culturale, tra le diverse possibilità, si prediligeranno le tipologie edilizie con minore altezza.
    8. per la sottozona C3.5: 7,50 m, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bi e Pauli (Cogoni Antonio);
  7. TIPOLOGIE EDILIZIE:

    1. per le sottozone C1 interessate da piani attuativi vigenti, attuati o in corso di attuazione, vale quanto previsto da ogni piano attuativo a cui si rimanda;
    2. per le sottozone C1.41, C1.42, C1.43, C1.44: nel caso di demolizione e ricostruzione casa a schiera mono o bifamiliare, nel rispetto dell’ubicazione dei nuovi corpi di fabbrica come indicati nel planivolumetrico della variante al Piano di Lottizzazione Sa Serrianedda.
    3. per la sottozona C1.45: nel caso di demolizione e ricostruzione casa isolata o a schiera, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Terr' e Forru (Putzu Igino);
    4. per la sottozona C1.47: nel caso di demolizione e ricostruzione casa isolata o a schiera, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Canelles-San Lussorio;
    5. per la sottozona C1.48: nel caso di demolizione e ricostruzione casa isolata, binata o a schiera, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Cardia-Bie Pauli;
    6. per le sottozone C1.49, C1.50, C1.51: nel caso di demolizione e ricostruzione casa isolata, binata o a schiera, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bie Palma (Ing. Cogoni);
    7. per le sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4: edifici multipiano con prevalente sviluppo in altezza, salvo quanto stabilito nello specifico da ogni piano attuativo, con o senza accordi sostitutivi (ex art. 11 della L.241/90). La possibilità di sviluppare edifici del tipo estensivo (case isolate, binate o a schiera) è subordinato alla tutela dei beni culturali e ambientali così come illustrati nelle parti del PUC relative agli assetti Ambientale e Storico Culturale, per garantire i necessari parametri idraulici e idrogeologici necessari al rispetto delle particolarità di ogni zona C3.i, attraverso l’applicazione del principio dell’invarianza idraulica;
    8. Per l’intero piano attuativo, almeno l’80% della abitazioni, dovrà avere una superficie utile minima interna SU ( al netto della Snr) di 70 mq. Il 20% delle abitazioni sviluppabile su ogni piano attuativo, non potrà contenere più del 20% di abitazioni con superficie utile inferiore a 35 mq.
    9. per la sottozona C3.5: casa isolata o a schiera, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bie Pauli (Cogoni Antonio).
  8. DISTACCO MINIMO TRA PARETI FINESTRATE:

    1. metri 10,00 tra le pareti finestrate di vani abitabili, tenuto conto, di quanto previsto dagli artt.

      28 e 53 del Regolamento Edilizio; in particolare l’art. 53 consente delle deroghe per il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici;

    2. in caso di altezze dei fabbricati superiori ai 10 m, la distanza tra le pareti finestrate dovrà essere almeno pari all’altezza del fabbricato più alto;
    3. per le sottozone C1, interessate da piani attuativi vigenti, attuati o in corso di attuazione, rimane valido inoltre quanto previsto da ogni piano attuativo a cui si rimanda.
  9. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI DEL LOTTO:

    1. per le sottozone C1 interessate da piani attuativi vigenti, attuati o in corso di attuazione, vale quanto previsto da ogni piano attuativo a cui si rimanda;
    2. per le sottozone C1.41, C1.42, C1.43, C1.44 nel caso di demolizione e ricostruzione 5m, se non in aderenza, fatti salvi i casi espressamente previsti nel planivolumetrico della variante al Piano di Lottizzazione Sa Serrianedda e i casi di arretramento dalla viabilità pubblica, la distanza non potrà essere inferiore a 2,50 m dal filo strada;
    3. per la sottozona C1.45: nel caso di demolizione e ricostruzione 5m, fatti salvi i casi di arretramento dalla viabilità pubblica ad una distanza di 2,50 m dal filo strada, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Terr' e Forru (Putzu Igino);
    4. per la sottozona C1.47: nel caso di demolizione e ricostruzione 5m, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Canelles-San Lussorio;
    5. per la sottozona C1.48: nel caso di demolizione e ricostruzione 5m, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Cardia-Bie Pauli;
    6. per le sottozone C1.49, C1.50, C1.51: nel caso di demolizione e ricostruzione 5m, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bie Palma (Ing. Cogoni);
    7. per le sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4: 5m, salvo maggiori distanze stabilite da ogni piano attuativo, con o senza accordi sostitutivi (ex art. 11 della L.241/90);
    8. per la sottozona C3.5: 5m, per uniformità con quanto previsto nel Piano di Lottizzazione Bie Pauli (Cogoni Antonio);
  10. PARCHEGGI PRIVATI: quanto previsto dall’art. 31 del Regolamento Edilizio.
  11. DISLOCAZIONE DELLE VOLUMETRIENELLE ZONE C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4: lo studio dei piani attuativi, oltre a garantire la tutela dei beni culturali e ambientali, dovrà essere condotto in modo tale che i volumi connessi siano ubicati lungo le arterie di maggior traffico. Le abitazioni e i volumi destinati al servizio della persona (asili nido, scuole, ecc.) dovranno essere lontani da fonti di rumore soprattutto quello derivato da traffico veicolare.
  12. STANDARD:

    1. si rimanda al successivo art. 29 delle presenti NTA. per quanto concerne le definizioni, gli interventi ammissibili, le destinazioni d’uso, gli indici e i parametri urbanistici;
    2. nei piani attuativi approvati, sottozone C1, lo standard per servizi è pari a 18 mq/ab;
    3. Per la sottozona C3.1 e C3.4 la cessione minima per standard è pari a 41 mq/ab così distribuiti S1= 4,5 mq/ab S2= 2 mq/ab S4= 4,5 mc/ab S3= 30 mq/ab. Per la sottozone C3.2 la cessione minima per standard è pari a 24 mq/ab cosi ripartiti: S1=4,50 mq/ab, S2=2 mq/ab, S3=13 mq/ab, S4= 4,5 mq/ab. Per la sottozona C3.3 la cessione minima

      per standard è 20 mq/ab così ripartiti: S1= 4,50 mq/ab, S2= 2 mq/ab, S3= 11 mq/ab,

      S4= 2,5 mq/ab

    4. qualora dallo studio dei piani attuativi delle sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4 dovesse emergere la necessità di avere maggiori aree di cessione, per garantire l’equilibrio idrogeologico della specifica zona in esame, l’incremento andrà a vantaggio delle aree S3;
    5. la distribuzione delle aree destinate a standard nelle sottozone C3.i dovrà tener conto dell’effettiva fruibilità secondo la specifica destinazione (S1, S2, S3, S4), privilegiando l’accorpamento delle stesse e dei raggi di influenza per un’effettiva fruizione dei residenti.
    6. Per le zone omogenee, C3.1, C3.4 e G1.36 valgono le prescrizioni di cui al precedente art. 5 comma 1 lett b punto 3;

Articolo: 6 - SOTTOZONE OMOGENEE C1 - ESPANSIONI PIANIFICATE

1. Per tali sottozone C1 viene riportata di seguito la tabella indicante la numerazione e la denominazione di ogni piano attuativo indicato nel PUC, con la corrispondente zona urbanistica da PRG e la relativa tipologia di piano.

N. Piano attuativo nel

PUC

Denominazione Piano attuativo

Tipo di Piano attuativo

Zona urbanistica da PRG

C1.1

Su Tremini De Baxiu

PRU

PRU

C1.2

Paluna San Lussorio

PRU

PRU

C1.3

Paluna San Lussorio

PEEP

C2*

C1.4

Canelles San Lussorio (Ex Cesa)

PEEP

C1**

C1.5

Su De Canelles

PEEP

C2*

C1.6

Bie Palma-Seminariu

PEEP

C2*

C1.7

Bie Palma

PEEP

C2*

C1.8

Santu Nigola 1

PEEP

C2*

C1.9

Santu Nigola 2

PEEP

C2*

C1.10

F.lli Serri

PL

C2

C1.11

Bie Pauli (Cogoni Antonio)

PL

C2

C1.12

San Lussorio

PL

C2

C1.13

Santu Luxori

PL

C2

C1.14

Salux

PL

C2

C1.15

Canelles

PL

C2

C1.16

Su Coddu

PL

C2

C1.17

Canelles - San Lussorio

PL

C2

C1.18

Parco Verde

PL

C2

C1.19

Bie Palma (Ing. Cogoni)

PL

C2

C1.20

Putzu - Bie Pauli

PL

C2

C1.21

Cardia - Bie Pauli

PL

C2

C1.22

Bie Palma (Loddo)

PL

C2

C1.23

Man.Dei.

PL

C2

C1.24

Sa Serrianedda

PL

C1

C1.25

Terr' e Forru (Putzu Igino)

PL

C2

C1.26

Terr' e Forru - Bie Settimu

PL

C1

C1.27

Ex-Alcatel

PL

C2

C1.28

Sant' Antonio

PL

C1*

C1.29

Santu Nigola - Bie Settimu

PL

C2

C1.30

Bie Mara

PL

C2

C1.31

Santu Nigola (Cara Marco e più)

PL

C2

C1.32

San Nicolò 3 (Cara Maria)

PL

C2

C1.33

Tranzellida (ex C.E.M.)

PL

C1

C1.34

Aresu Bruno

PL

C1

C1.35

Apice

PL

C1

C1.36

Su Pranu

PL

C1

C1.37

Su Planu 2°

PL

C1

C1.38

Su Planu

PRU

PRU

C1.39

Is Corrias

PRU

C2

Articolo: 7 - SOTTOZONE OMOGENEE [C3.1-C3.2-C3.3-C3.4] - ESPANSIONI IN PROGRAMMA

  1. Sono destinate alla nuova espansione residenziale il cui indice di fabbricabilità territoriale base è stabilito pari a 0,20 mc/mq.
  2. L’edificazione è subordinata allo studio del piano attuativo dell’intera sottozona omogenea,

    come definita dalla perimetrazione di cui all’Elaborato n°7 e n° 12 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano, ponendo a base dello studio le particolarità della zona, sotto il profilo idrogeologico, archeologico ed in generale secondo gli studi emersi nei tre assetti (ambientale, storico-culturale ed insediativo) del PUC, nonché dei corridoi verdi.

  3. Nelle sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4 è prevista la possibilità di accedere alle premialità volumetriche il cui accesso è vincolato alla definizione di accordi integrativi o sostitutivi ex art. 11 della L. 241/90 i cui contenuti risultano definiti all’art. 11 delle presenti NTA.
  4. definito lo studio del piano attuativo di cui al precedente comma 2 e poste le basi di eliminazione del rischio di natura idrogeologica, l’attuazione dell’intero comparto potrà avvenire attraverso sub comparti funzionali di dimensione non inferiore a 3 ettari. Per funzionalità deve intendersi la possibilità di accedere al comparto tramite idonea viabilità e servita dai sottoservizi essenziali.

Articolo: 8 - SOTTOZONE C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4 SOGGETTE AD ACCORDI INTEGRATIVI O SOSTITUTIVI

  1. Nelle sottozone C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4 l’indice di fabbricabilità territoriale base è stabilito pari a: itbase= 0,20 mc/mq (di superficie territoriale);
  2. è prevista una premialità volumetrica dell’indice territoriale base definito al comma 1, pari a 0,80 mc/mq (di superficie territoriale), nella sola ipotesi (condizione necessaria e indispensabile) di definizione di accordo integrativi o sostitutivo ex art. 11 Legge 241/90 e ss.mm.ii.;
  3. alla premialità definita al comma 2 del presente articolo, pari a 0,80 mc/mq, sarà aggiunto un indice di fabbricabilità territoriale derivato dal concorso delle volumetrie attribuite a determinate aree, con assegnato un indice di fabbricabilità territoriale fittizio, per le quali è previsto l’esproprio per pubblica utilità, ovvero, pur avendo una potenzialità edificatoria, questa non può essere sviluppata per l’esistenza di fasce di rispetto, siano esse cimiteriali, stradali o a tutela di canali di guardia; le relative volumetrie attribuite dovranno essere pertanto utilizzate e attuate nelle zone omogenee corrispondenti ai rispettivi comparti identificati nell’elaborato n°7 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano;
  4. le sottozone omogenee C3.1,C3.2,C3.3 e C3.4 dovranno essere oggetto di specifico studio esteso ad ogni comparto, la cui identificazione è definita nell’elaborato n°7 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano; Per maggior chiarezza, le parti lottizzanti sono tutti i soggetti proprietari delle aree ricadenti all’interno della perimetrazione della specifica sottozona omogenea C3.i a cui si aggiungono i proprietari delle aree alle quali è stata assegnata una volumetria fittizia, secondo quanto indicato nel comma 3 del presente articolo;
  5. i soggetti proprietari delle aree di cui al comma 3, che concorrono alla formazione dell’indice di fabbricabilità territoriale fittizio sulla sottozona omogenea, per aver diritto alla volumetria loro assegnata, da utilizzare nel comparto, dovranno cedere a titolo gratuito le rispettive aree. La cessione potrà avvenire ancor prima della stipula dell’accordo sostitutivo, ovvero in sede di convenzione urbanistica ex art. 28 della Legge 1150/1942, che recepirà i contenuti dell’accordo integrativo o sostitutivo ex art. 11 della Legge 241/90. Qualora l’Amministrazione Comunale richiedesse le cessioni anticipate delle aree per finalità pubbliche e i proprietari non accettassero la richiesta, tali aree saranno acquisite al patrimonio comunale secondo le procedure ordinarie di cui al DPR 327/2001 e verrebbe meno, in questo caso, la possibilità di usufruire della volumetria assegnata secondo gli accordi ex art. 11 della Legge 241/90.
  6. L’accordo sostitutivo dovrà prevedere che sono a carico dei soggetti lottizzanti, in aggiunta degli oneri di urbanizzazione secondaria, anche gli oneri di allacciamento necessari per rendere funzionali i comparti. Tra tali oneri rientrano le opere idrauliche necessarie a garantire la raccolta ed il successivo deflusso delle acque; potenziamento di reti idriche e o fognarie fuori dal comparto ecc..

Articolo: 9 - RIPARTIZIONE DELLE VOLUMETRIE NEGLI INTERVENTI EX ART. 11 DELLA L.241/90 NELLE SOTTOZONE C3.1,C3.2, C3.3 e C3.4

1. Nelle sottozone omogenee C3.1,C3.2, C3.3 e C3.4 la distribuzione della volumetria complessiva (100%) dovrà avvenire nel rispetto della seguente ripartizione:

volumi per residenza

70%

volumi connessi

20%

volumi pubblici

10%

Totale

100%

Articolo: 10 - STANDARD E CESSIONI A FAVORE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE NELLE SOTTOZONE C3.I

  1. Nelle sottozone omogenee C3.1,C3.2, C3.3 e C3.4, in caso di accordi sostitutivi ex art. 11 della L.241/90, è prevista un’ulteriore cessione a favore dell’Amministrazione Comunale a titolo gratuito, quale standard integrativo da riservare a interventi di edilizia residenziale pubblica del tipo convenzionato, agevolato o sovvenzionato, ovvero, dei volumi connessi, nel rispetto del seguente prospetto:

    1. Cessione del 10% a titolo gratuito a favore dell’Amministrazione Comunale della Volumetria Residenziale Privata (Vp) definita secondo il prospetto di cui all’art. 9 quale standard integrativo, da destinare a interventi di edilizia residenziale pubblica del tipo convenzionato, agevolato o sovvenzionato ai sensi della L. 244/07 art. 2 comma 258.
    2. Cessione del 5% a titolo gratuito a favore dell’Amministrazione Comunale della Volumetria destinata a servizi connessi con la residenza (Vsscr) definita secondo il prospetto di cui all’art. 9 quale standard integrativo, da destinare a interventi finalizzati all’incremento occupazionale, con particolare riferimento ai giovani ed alle fasce imprenditoriali deboli: piccoli artigiani, piccole società di servizio, etc.

volumi per residenze private

60%

volumi per residenze ceduti all’A.C.

10%

Volumi Connessi privati

15%

Volumi connessi ceduti all’A.C.

5%

Volumi per servizi pubblici

10%

Volumi Totali

100%

Articolo: 11 - ZONA C: PROGRAMMI PLURIENNALE DI ATTUAZIONE - ONERI A CARICO DEI PRIVATI

  1. L'attuazione del PUC nelle zone C è articolata attraverso un programma pluriennale di attuazione che l'Amministrazione Comunale deve formulare, e verificare nel tempo con cadenza quinquennale, al fine di stabilire una scala di priorità degli interventi sulla base della domanda insediativa e della fattibilità delle infrastrutture cinematiche e tecnologiche principali. Per le zone C3.1, C3.2, C3.3 e C3.4 l’amministrazione comunale provvederà ad effettuare lo studio generale dei piani attuativi con particolare riferimento all’invarianza idraulica e all’eliminazione del vincolo idrogeologico in modo da poter ipotizzare l’esecuzione dei comparti per stralci funzionali di dimensione minima di 3 ettari. I costi di tale studio, se anticipati con fondi di bilancio e non oggetto di contributi regionali e/o statali, saranno ripetuti nei confronti del lottizzanti opportunamente aggiornati in base al tempo diì’intervento.
  2. In base alle risultanze di cui al precedente punto “1”, il Comune approverà un programma di dei piani di attuazione del PUC ai sensi dell’art. 13 della L. n. 10 del 28.01.1977;
  3. I privati che intendessero anticipare i tempi programmati dall'Amministrazione Comunale, al fine di utilizzare le aree residenziali definite dal PUC, possono costituire un consorzio volontario e predisporre un piano di lottizzazione nel rispetto del PUC ai sensi dell'art. 41 del RE, a cui si rimanda.
  4. Per quanto concerne gli impegni della convenzione, si rimanda all’art.89 del RE.
  5. Le obbligazioni contenute negli accordi sostituitivi (ex articolo 11 della Legge 241/90 e ss.mm.ii.) dovranno prevedere almeno:
  1. cessione gratuita delle aree necessarie per le opere di urbanizzazione primaria nonché la cessione gratuita delle aree necessarie per le opere di urbanizzazione secondaria;
  2. totale assunzione, a carico dei soggetti attuatori, degli oneri necessari per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria;
  3. versamento della quota parte delle opere di urbanizzazione secondaria definita per ciascuna zona urbanistica conformemente all’articolo 16 comma 6 del DPR 380/2001;
  4. cessione a titolo gratuito del 10% della volumetria residenziale privata (Vp), quale standard integrativo a quello definito al punto precedente, da destinare a interventi di edilizia residenziale pubblica, così come disciplinati agli artt. 9 e 10 delle presenti NTA;
  5. cessione a titolo gratuito del 5% della volumetria destinata a servizi connessi con la residenza

privata (Vsccr), quale standard integrativo a quello definito al punto precedente, da destinare a interventi finalizzati all’incremento occupazionale, così come disciplinati agli artt. 9 e 10 delle presenti NTA;

  1. (Solo per i proprietari delle aree interne alla perimetrazione della sottozona C3.1,C3.2, C3.3 e C3.4) Accettare le volumetrie derivanti dalle aree, identificate nell’elaborato n°7 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano, che pur avendo una potenzialità edificatoria non potrà essere sviluppata per la presenza di vincoli, risultante di proprietà di soggetti esterni alla perimetrazione della sottozona omogenea C3.1,C3.2, C3.3 e C3.4;
  2. (Solo per i proprietari delle aree esterne alla perimetrazione della sottozona C3.1,C3.2, C3.3 e C3.4) Eventuale cessione anticipata, a semplice richiesta da parte della Amministrazione Comunale, delle aree per finalità pubbliche, che pur avendo una potenzialità edificatoria non potrà essere sviluppata per la presenza di vincoli, le cui volumetrie verranno attuate all’interno della perimetrazione delle sottozone omogenee C3.i identificate nell’elaborato n°7 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano;
  3. (Per tutti i proprietari delle aree interne ed esterne alla perimetrazione delle sottozone C3.1,C3.2, C3.3 e C3.4) Obbligarsi in aggiunta agli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria previsti, a sostenere tutti gli oneri derivanti dall’esecuzione degli allacciamenti ai pubblici servizi e di collegamento alle infrastrutture nonché quelli necessari alla funzionalità dei comparti e alla loro compatibilità idraulica e idrogeologica; tali oneri dovranno essere contenuti, sotto il profilo economico e finanziario, in modo tale che venga garantito l’equilibrio dell’investimento complessivo;

i) di obbligarsi alla attuazione del comparto edificatorio nel rispetto dei principi di invarianza idraulica.

Articolo: 12 - ZONA D - INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E COMMERCIALE

  1. DEFINIZIONE: interessa le parti del territorio comunale destinate o da destinare ad insediamenti per impianti industriali, artigianali, commerciali, di conservazione, trasformazione o commercializzazione di prodotti agricoli e/o della pesca.

    1. la zona D è suddivisa nelle seguenti sottozone:

      • Sottozona D2.1 – interessante la zona a nord della S.S. 554 (ex sottozona D1 del PRG. L’attuazione è regolamentata dal Piano Particolareggiato della Zona Industriale, Artigianale e Commerciale e dalle norme di attuazione in esso contenute, modificate in

        ultimo con deliberazione di C.C. n° 123 del 09.12.2009.

      • Sottozona D2.2 – trattasi di lotti già edificati (ex sottozona D2 del PRG);
      • Sottozone D2.3 - D2.4 - D2.5 - trattasi di lotti già edificati (ex D2* nel PRG);
      • Sottozone D2.6 - D2.9 - trattasi di lotti già edificati nei quali è previsto il mantenimento dei fabbricati esistenti, ovvero in caso di interesse pubblico, è prevista la demolizione e il relativo allontanamento del volume dalla strada;
      • Sottozona D2.7 – trattasi delle nuove zone di espansione della zona artigianale commerciale, industriale, subordinate alla formazione di piani attuativi di iniziativa pubblica o privata. Per tali sottozone è prevista la possibilità, su iniziativa dei privati, di sottoscrivere accordi sostitutivi del provvedimento finale, ai sensi dell’art. 11 della Legge 241/90;
      • Sottozona D2.8 - trattasi di lotti già edificati per i quali può essere predisposto un Programma Integrato di Riqualificazione Urbanistica, edilizia ed ambientale, ai sensi della L.R. n°16 del 1994.
  2. INTERVENTI AMMISSIBILI:

    1. in assenza di piani attuativi sono consentiti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di cui all’art. 3 del DPR 380/01.
    2. in presenza di piani attuativi sono consentiti tutti gli interventi di cui all’art. 3 del DPR 380/01;
  3. DESTINAZIONI D’USO:

    1. è consentita la localizzazione di edifici per attività industriali, artigianali, depositi, edifici commerciali (supermercati, uffici, magazzini, etc.), servizi direzionali (call center, studi professionali, etc.), servizi connessi all’attività principale (asili e scuole a carattere aziendale o professionale, servizi sanitari, servizi culturali, attrezzature religiose, impianti sportivi e ricreativi, aree attrezzate a parco, mense, etc.). I servizi connessi all’attività principale dovranno essere dimensionati per il fabbisogno della zona industriale e ciò risultante da appositi indagine di mercato.
    2. per quanto concerne il numero e le dimensioni delle attività commerciali delle medie strutture di vendita si rimanda allo specifico Piano Commerciale Comunale;
    3. la destinazione residenziale è consentita, esclusivamente per il personale di custodia e/o per il conduttore dell’attività, per una sola abitazione di superficie utile non superiore a 100 mq;
    4. qualora il fabbricato sia destinato a una delle attività proprie della zona omogenea D la realizzazione di uffici necessaria alla funzionalità dell’attività principale è consentita solo con vincolo di pertinenzialità in relazione all’unità immobiliare principale, per una percentuale

      massima del 10% di superficie netta calpestabile. E’ ammissibile la realizzazione di superfici maggiori e anche con autonomia funzionale ma questi rilevano ai fini del calcolo del costo di costruzione.

    5. le aree inedificate di pertinenza dei lotti non interessate da parcheggi o a percorsi di accesso dovranno essere opportunamente sistemate a verde, ovvero realizzati con materiali drenanti.
    6. le recinzioni dei lotti sui fronti stradali dovranno essere del tipo “a vista” e sistemate con piante rampicanti (es: gelsomino, buganvillea), fatte salve le eccezioni previste da norme specifiche per particolari attività che necessitano di misure speciali di protezione;
    7. nella sottozona D2.7, in fase di predisposizione di piano attuativo, la localizzazione delle attività dovrà rispettare il principio di separare le attività salubri da quelle insalubri, affinché sia perseguito l’armonico accostamento dei diversi tipi di attività (industriali, artigianali, commerciali, per servizi), soprattutto per evitare pericolose interferenze dovute alle attività insalubri che potrebbero emettere anche incidentalmente sostanze pericolose per l'ambiente e per la salute delle persone, nonostante l’utilizzo di tutte le precauzioni atte scongiurarne il rischio. In particolare, per la realizzazione di servizi connessi all’attività principale quali: asili nido aziendali o interaziendali, dovranno essere garantiti livelli di salubrità e igienico sanitari per lo specifico servizio con particolare riferimento all’inquinamento atmosferico e acustico.
  4. DIMENSIONE MINIMA DEL LOTTO:

    1. Sottozona D2.1 - 1.000 mq;
    2. Sottozona D2.7 - la dimensione minima del comparto edificatorio non potrà essere inferiore a 3 ettari. Sono consentiti interventi con comparti di dimensioni inferiori quando trattasi di aree delimitate da elementi fisici (strade provinciali, statali e comunali, corsi d‘acqua, limiti con altre zone omogenee). Nella redazione del piano attuativo si dovrà tener conto di separare i lotti destinati ad attività insalubri e/o rumorose, tenuto conto delle caratteristiche al contorno e alla direzione prevalente dei venti. Pertanto, presupposto necessario perché nella zona industriale artigianale si possano insediare servizi alla persona e che questi vengano programmati ed inseriti negli studi dei paini attuativi. Presupposto essenziale per l’attuazione dei comparti è che sia garantito il collegamento alla viabilità esistente ed ai sottoservizi.
  5. INDICE DI UTILIZZAZIONE EDILIZIA:

    1. per la Sottozona D2.1 vale l’indice previsto dal piano previgente. Indice di copertura di utilizzazione pari a 0,80 mq/mq ottenuto dal rapporto della superficie netta dei pavimenti del fabbricato, anche se su diversi piani, e l’intera superficie del lotto;
    2. per la Sottozona D2.2 i volumi realizzabili sono quelli stabiliti per la sottozona D2 dalle norme di attuazione della ex zona D1 del PRG. Ove i volumi già esistenti sui singoli lotti siano superiori agli indici della zona D1 è consentita, per le attività già operanti, la possibilità di ampliamenti contenuti nella misura del 10% della volumetria realizzata e purché:

      • l'insediamento edilizio si inserisca in un lotto servito da strada pubblica di larghezza non inferiore a 12 m;
      • i distacchi tra edifici confinanti non siano inferiori a 10 m e quelli dai confini del lotto non siano inferiori a 5 m;
      • vengano applicate le disposizioni per le quote di urbanizzazione previste dal D.P.G.R. 9743 dell'01.08.1977;
      • siano garantite ampie aree per il parcheggio secondo i termini di legge e siano rispettate le norme ed i regolamenti comunali e regionali in materia di prevenzione dei fumi, degli scarichi e dei rumori;
    1. per le Sottozone D2.3 - D2.4 - D2.5, valgono le stesse norme della sottozona D2.2, ma con l'obbligo del mantenimento dei volumi attuali;
    2. per le Sottozone D2.6 - D2.9 - non è consentito nessun aumento di volume. In caso di demolizione, la dove è possibile, lo stesso volume potrà essere realizzato a distanze superiori rispetto il nastro stradale e dai confini dei lotti circostanti;
    3. per la Sottozona D2.7 in assenza di accordi sostitutivi l’indice di utilizzazione è pari a 0,10 mq/mq, inteso come rapporto tra la superficie dei pavimenti del fabbricato, anche se su diversi piani, e l’intera superficie del lotto;
    4. per la Sottozona D2.7 in presenza di accordi sostitutivi del provvedimento finale proposti dai privati, l’indice di utilizzazione sarà pari 0,70 mq/mq, inteso come rapporto tra la superficie dei pavimenti del fabbricato, anche se su diversi piani, e l’intera superficie del lotto.
  6. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO:

    1. per la Sottozona D2.1 vale l’indice previsto dal piano previgente, pertanto 40%, inteso come rapporto tra la superficie coperta e l’intera superficie del lotto;
    2. per la Sottozona D2.2 le superfici realizzabili sono quelle stabilite per la sottozona D2 dalle norme di attuazione della ex zona D1 del PRG;
    3. per le Sottozone D2.3 - D2.4 - D2.5, valgono le stesse norme della sottozona D2.2, ma con l'obbligo del mantenimento delle superfici coperte attuali;
    4. per la Sottozona D2.7 in assenza di accordi sostitutivi è pari al 10%, inteso come rapporto tra la superficie coperta e l’intera superficie del lotto;
    5. per la Sottozona D2.7 in presenza di accordi sostitutivi del provvedimento finale ex art. 11 della legge 241/90, proposti dai privati, gli standard non devono essere inferiori al 10% della superficie lorda complessiva del piano attuativo;
    6. per gli edifici commerciali e direzionali a 100 mq di superficie lorda di pavimento di edifici previsti deve corrispondere la quantità minima di 80 mq di spazio pubblico o ad uso pubblico, escluse le sedi viarie, di cui almeno la metà destinata a parcheggi. In caso di attività commerciali di tipo alimentare dovrà essere fatta la comparazione con lo standard dei parcheggi di cui alla delibera di giunta regionale n° 55/108/2000 e ss.mm.ii.

Articolo: 13 - SOTTOZONA D2.7 SOGGETTA AD ACCORDI SOSTITUTIVI

  1. I privati al fine di utilizzare le aree definite dal PUC possono costituire un consorzio volontario e predisporre un piano di lottizzazione nel rispetto del PUC ai sensi dell'art. 41 del RE, a cui si rimanda.
  2. Per quanto concerne gli impegni della convenzione, si rimanda all’art.89 del RE.
  3. Le obbligazioni degli accordi sostituitivi (ex articolo 11 della Legge 241/90 e ss.mm.ii.) dovranno prevedere almeno:
  1. cessione gratuita delle aree necessarie per le opere di urbanizzazione primaria e secondaria;
  2. totale assunzione, a carico dei soggetti attuatori, degli oneri necessari per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria;
  3. versamento della quota parte delle opere di urbanizzazione secondaria definita per ciascuna zona urbanistica conformemente all’articolo 16 comma 6 del DPR 380/2001;
  4. cessione a titolo gratuito del 10% della superficie, per lotti da assegnare a giovani e/o per

    l’imprenditoria debole, ovvero per consentire all’Amministrazione Comunale il trasferimento di attività inquinanti, rumorose e moleste presenti nel centro abitato e/o incompatibili con la destinazione d’uso prevalente nel centro abitato.

  5. Obbligarsi in aggiunta agli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria previsti dalla legge, a sostenere tutti gli oneri derivanti dall’esecuzione degli allacciamenti ai pubblici servizi e di collegamento alle infrastrutture, nonché la realizzazione delle infrastrutture necessarie alla funzionalità del comparto. Tali oneri, rientranti nella fattispecie dei cosiddetti oneri di allacciamento, dovranno essere contenuti, sotto il profilo economico e finanziario, in modo tale che venga garantito l’equilibrio dell’investimento complessivo.

Articolo: 14 - SOTTOZONA D2.8 - PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA, EDILIZIA E AMBIENTALE

  1. La sottozona D2.8, destinata a piccoli insediamenti artigianali esistenti, può essere soggetta, in alternativa ad un piano di iniziativa esclusivamente privata, ad un Programma Integrato di Riqualificazione Urbanistica, secondo quanto previsto dalla L.R.n°16 del 1994, al fine di razionalizzare l’utilizzazione delle aree destinate alle attività ivi presenti, con particolare riferimento alla viabilità pubblica (strada statale) per la quale sono previste dal D. Lgs. n°285 del 30/04/1992 (Codice della Strada) le relative aree di rispetto stradali. E’ a carico dei soggetti proprietari delle aree del comparto D.28 la sistemazione a cielo aperto o in tombinato del canale di scolo delle acque meteoriche corrente lungo la ex strada comunale Monserrato-Elmas. Come pure è a loro carico la realizzazione di un ingresso unico dalla predetta strada secondo le indicazioni dell’ANAS o dell’ente proprietario della strada.
  2. L’intera sottozona D2.8 dovrà essere sistemata in modo che i fabbricati siano convenientemente disposti in relazione agli accessi dalla strada, tenendo conto della necessaria area di rispetto, per la quale si prescrive che venga piantumata.
  3. Gli interventi ammissibili in assenza del Piano attuativo sono solo quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria di cui all’art. 3 del DPR 380/01.
  4. Il Programma Integrato di Riqualificazione Urbanistica potrà consentire anche il cambio di destinazione, sempreché compatibile con il sito dal punto di vista dell’impatto acustico, della salubrità dell’aria, della visibilità, del traffico, con il conseguente miglioramento sia delle condizioni di sicurezza per la viabilità pubblica sia di quelle di lavoro per le attività situate nell'area.
  5. Programma Integrato di Riqualificazione Urbanistica dovrà rispettare i seguenti parametri urbanistici ed edilizi:

    1. INDICE DI UTILIZZAZIONE EDILIZIA: 0,50 mq/mq, inteso come rapporto tra la superficie

      dei pavimenti del fabbricato, anche se su diversi piani, e l’intera superficie del lotto;

    2. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO: 0,30%, inteso come rapporto tra la superficie coperta e l’intera superficie del lotto;
    3. ALTEZZA MASSIMA: 7 m;
    4. TIPOLOGIE EDILIZIE: libere in funzione delle esigenze delle differenti attività, purché risultino validamente inserite nel contesto;
    5. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI SU STRADA: secondo le prescrizioni di cui al D. Lgs. n°285 del 30/04/1992 e ss.mm.ii. (Codice della Strada);
    6. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI DEL LOTTO: 5 metri.
    7. PARCHEGGI PRIVATI: dovranno essere previsti secondo quanto previsto dalle norme sovraordinate e realizzati con materiali di tipo drenante;
    8. VIABILITA’: dovrà essere realizzata in modo tale da migliorare la sicurezza della viabilità esistente;
    9. STANDARD: non devono essere inferiori al 10% della superficie lorda complessiva.
  6. Il Programma Integrato può essere presentato al Comune da soggetti pubblici e privati, singolarmente o riuniti in consorzio o associati fra di loro.
  7. La proposta di Programma Integrato di Riqualificazione Urbanistica, edilizia ed ambientale, deve interessare per intero la sottozona D2.8 e deve contenere tutta la documentazione prevista dall’art. 3 della L.R. n°16 del 1994.

Articolo: 15 - ZONA E - AREE AGRICOLE

  1. DEFINIZIONE: sono zone agricole le parti del territorio destinate all’agricoltura, alla pastorizia, alla zootecnia all’itticoltura, alle attività di conservazione e di trasformazione dei prodotti aziendali, all’agriturismo, alla silvicoltura, e alla coltivazione industriale del legno. Comprendono le parti del territorio destinate ad usi agricoli e quelle con edifici, attrezzature ed impianti connessi al settore agro–pastorale e alla valorizzazione dei suoi prodotti. La zona agricola a ridosso dell’edificato esistente e/o in progetto e tutto intorno ai confini comunali, prevede una fascia di rispetto agricolo di circa 200 mt. Tale fascia ha la funzione di mantenere, per quanto possibile, riconoscibili i confini dell’edificato esistente e/o progettato e i limiti territoriali. Per tali aree i parametri edilizi e/o urbanistici sono dimezzati e/o raddoppiati a secondo dell’elemento che si intende tutelare. In particolare l’indice di fabbricabilità fondiario sarà dimezzato mentre la distanza dai confini del fabbricato sarà raddoppiata. Qualora il lotto e/o i lotti sui quali si interviene ricadano in entrambe le aree cioè in parte all’interno e parte

    all’esterno della fascia, allora si potranno utilizzare i parametri edilizi ed urbanistici propri della zona ubicando il corpi di fabbrica nella parte esterna alla fascia di rispetto agricolo. Ovvero, qualora i corpi di fabbrica ricadano anche in parte nella fascia di rispetto agricolo, si dovranno utilizzare i parametri dimezzati e/o raddoppiati nel senso sopra indicato.

    1. In base alla classificazione del DPGR 228/1994, nel territorio comunale, sulla base degli studi di natura geologica agronomica e dell’uso del suolo, sono presenti le seguenti due sottozone,

      • Sottozona E1 – Aree caratterizzate da una produzione agricola tipica e specializzata;
      • Sottozona E2 – Aree di primaria importanza per la funzione agricolo–produttiva, anche in relazione all’estensione, composizione e localizzazione dei terreni.
  2. INTERVENTI AMMISSIBILI:

    1. sono ammesse tutte le attività agricole previste dall’art. 2135 del codice civile.
    2. per le costruzioni residenziali esistenti sono consentite opere di: manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro, ristrutturazione edilizia ed ampliamenti per eventuali volumi finalizzati solo all’adeguamento di sopravvenuta normativa nel limite massimo del 10%.
    3. sono ammessi gli interventi che comportano trasformazioni urbanistiche o edilizie ai fini del recupero e riuso del patrimonio edilizio esistente e dello sviluppo del sistema produttivo agricolo, subordinando la realizzazione di nuovi edifici ai soli casi in cui se ne dimostri la necessità ai fini della conduzione del fondo;
    4. sono consentiti i miglioramenti fondiari che comportino sagomature, riempimenti e apporti di terre, purché lo studio sia esteso alle proprietà contermini con particolare attenzione al deflusso delle acque meteoriche;
    5. l’ampliamento del volume residenziale (entro i limiti volumetrici consentiti) deve essere realizzato utilizzando l’eventuale parte rustica contigua all’edificio, sempreché non necessaria alla conduzione del fondo;
    6. per gli edifici esistenti ubicati nelle zone di protezione delle strade e in quelle di rispetto al nastro stradale e alle zone umide vincolate come inedificabili, sono consentite le seguenti opere:

      • manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e ristrutturazione edilizia;
      • dotazione di servizi igienici e copertura di scale esterne;
      • ogni altro ampliamento necessario per adeguare l’immobile alla disciplina igienico- sanitaria vigente;
    7. gli interventi edilizi, nelle zone di cui al comma precedente, saranno autorizzati (entro i limiti volumetrici consentiti) purchè non comportino l’avanzamento dell’edificio esistente sul fronte stradale;
    8. nel caso di esproprio di un edificio nelle zone di cui al punto f) per la realizzazione o l’ampliamento di strade e per la realizzazione di opere pubbliche in genere, e nei casi di demolizione è consentita la ricostruzione in area agricola adiacente anche inferiore alla superficie minima, con il mantenimento delle destinazioni d’uso;
    9. è vietata:

      • l’edificazione nelle aree aventi pendenza superiore al 40%;
      • l’edificazione nelle aree di esondazione fluviale, ed entro il limite di 50 m dal bordo delle acque pubbliche classificate;
      • le relative superfici di cui ai due punti precedenti possono però essere utilizzate come aree di competenza ai fini del calcolo degli indici di edificabilità per costruzioni ubicate al di fuori di tali aree;
      • la realizzazione di scale esterne;
      • la realizzazione di edifici a tetto piano;
      • la realizzazione di locali deposito al piano primo;
      • piani di carico e rampe ai livelli fuori terra;
    10. i fabbricati per gli insediamenti produttivi di tipo agro-industriale dovranno essere ubicati nelle zone territoriali omogenee di tipo"D" e/o” G”, fatti salvi gli ampliamenti degli insediamenti preesistenti alla data di entrata in vigore delle Direttive per le zone agricole (DPGR 3 agosto 1994, n.228), di cooperative e di associazioni di produttori agricoli. E’ ammessa la realizzazione di edifici per la trasformazione e confezionamento dei prodotti per attività agricole di grandi dimensioni. Il lotto minimo sul quale ubicare l’attività di trasformazione dovrà avere superficie minima di 20 ettari. L’azienda che intende insediarsi dovrà dimostrare di operare su estensioni terriere di almeno 100 ettari.
    11. per gli edifici prospettanti sui beni storico culturali o inclusi all’interno delle aree a rischio archeologico individuate nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali dovranno essere rispettate le specifiche prescrizioni ivi contenute;
    12. gli interventi ammessi sui fabbricati rurali devono essere ispirati alla massima sobrietà e osservare quanto previsto al Titolo XIII del R.E.;
    13. dovranno essere conservati e ripristinati gli elementi paesaggistici del contorno (siepi a filo strada, etc.);
    14. ogni serra purché volta alla protezione o forzatura delle colture, può essere installata previa autorizzazione edilizia, con l’esclusione di quelle senza opere che sono considerate edilizia libera, fermo restando nelle zone vincolate l'ulteriore obbligo di acquisire il prescritto provvedimento autorizzativo ai sensi del D.Lgs. n°42/ 2004 e ss.mm.ii.;
    15. le abitazioni in zona agricola, che non siano allacciate a fognature comunali, dovranno essere dotate, secondo la natura del sottosuolo, di adeguato sistema di smaltimento, eliminando lo scarico delle acque usate nei bacini a cielo aperto in campagna; gli insediamenti agro-alimentari e gli allevamenti zootecnici intensivi dovranno essere dotati di sistemi di smaltimento o depurazione approvati a norma di legge;
    16. il concessionario di un agriturismo deve impegnarsi a vincolare al fondo le strutture edilizie;

    17. Nelle aree come delimitate dall’assetto storico culturale sono consentite tutte le attività di natura agricola. In caso di uso di vomeri superiori ad 80 cm dovrà essere data comunicazione preventiva con AR alla soprintendenza ai Beni Archeologici di Cagliari, almeno 20 gg prima dell’inizio dei lavori. I 20 gg sono calcolati dal timbro postale di spedizione.
  3. DESTINAZIONI D’USO:

    1. attività agricole, pastorali, zootecniche, ittiche, di conservazione e trasformazione dei prodotti aziendali, silvicoltura, coltivazione industriale del legno, agriturismo, attrezzature e impianti connessi alle attività elencate precedentemente, punti ristoro (bar, ristoranti, tavole calde, con annesse altre strutture di servizio, di dimensioni limitate, relative a posti letto nel numero massimo di venti e ad attività sportive e ricreative), strutture sociali (per il recupero terapeutico dei disabili, dei tossicodipendenti e del disagio sociale), residenza e tutte le attività non previste e/o non compatibili con le altre zone omogenee;
    2. la realizzazione dei punti di ristoro è ammessa per distanze superiori a 2000 metri dal perimetro urbano inteso come confine dalle zone D,G.
    3. è sempre ammessa la trasformazione di edifici esistenti aventi destinazione non compatibile con la zona agricola con una destinazione compatibile con la stessa zona, anche per i lotti aventi dimensioni inferiori a quelle minime; in quest’ultimo caso non sono ammissibili i cambi di destinazione d’uso verso quella residenziale;
    4. è consentito nelle Zone E l'esercizio dell'agriturismo, quale attività collaterale od ausiliaria a quella agricola e/o zootecnica;
    5. il concessionario di un agriturismo deve impegnarsi a mantenere la destinazione agrituristica dei posti letto;
    6. il progetto edilizio per agriturismo deve prevedere sia le residenze sia le attrezzature e gli

      impianti, a meno che essi preesistano e siano adeguati alla produzione indicata nel progetto;

    7. sono ammessi anche punti di ristoro indipendenti da una azienda agricola, dotati di non più di venti posti letto.
    8. La realizzazione di edifici per la trasformazione e confezionamento dei prodotti per attività agricole di grandi dimensioni. Il lotto minimo sul quale ubicare l’attività di trasformazione dovrà avere superficie minima di 20 ettari e servire produzioni aziendali che operano su almeno 100 ettari. L’indice di utilizzazione inteso come rapporto tra la superficie lorda complessiva (compresi locali accessori, piazzali ecc) dell’edificio destinato all’attività di trasformazione e il lotto non può superare il 15%.
  4. DIMENSIONE MINIMA DEL LOTTO:

    1. ai fini edificatori la superficie minima di intervento è in via generale stabilita in Ha 1, salvo per quanto riguarda la destinazione per impianti serricoli, impianti orticoli in pieno campo e impianti vivaistici, per i quali è stabilita in Ha 0,50;
    2. per le residenze 1,00 Ha (ettari);
    3. per nuove strutture aziendali comprendenti l'attività agrituristica 3 Ha (ettari);
    4. per nuovi punti di ristoro isolati 3 Ha (ettari);
    5. quando il punto di ristoro è incluso in un fondo agricolo che comprende attrezzature e residenze, alla superficie minima di 3 ettari, vincolata al punto di ristoro, va aggiunta quella minima relativa al fondo agricolo (0,50 Ha per serre, orti, vivai e 3 ha per il seminativo);
    6. Impianti per trattamento di inerti lotto minimo 3 ettari. Tutto il perimetro del lotto, oltre tutte le altre prescrizioni previste per tali impianti, dovrà avere una fascia, della profondità di 15 metri piantumata con alberi da alto fusto e crescita rapida.
    7. non è ammesso l’asservimento di lotti non adiacenti.
    8. per attività di trasformazione connesse all’attività agricola svolta in loco 25 ettari;
    9. per le aree interessate da beni archeologici e/o architettonici l’edificazione è ammessa con lotti minimi di 1,5 ettari e secondo le prescrizioni dell’assetto storico culturale
  5. INDICE DI FABBRICABILITÀ FONDIARIO:

    1. 0,03 mc/mq per le residenze, ai sensi del D.A.EE.LL. n. 2266/U del 20.10.1983;
    2. 0,10 mc/mq per punti di ristoro, attrezzature ed impianti di carattere particolare che per la loro natura non possono essere localizzati in altre zone omogenee (trattamento inerti ed altri). Le opere saranno di volta in volta autorizzate previa conforme deliberazione del

      Consiglio Comunale;

    3. 1,00 mc/mq per impianti di interesse pubblico quali cabine ENEL, centrali telefoniche, stazioni di ponti-radio, ripetitori e simili. Le opere saranno di volta in volta autorizzate previa conforme deliberazione del Consiglio Comunale;
    4. 0,20 mc/mq per le opere connesse all'esercizio di attività agricole e zootecniche di stretta pertinenza aziendale quali stalle, magazzini, silos, capannoni e rimesse. Con Deliberazione del Consiglio Comunale l’indice potrà essere elevato fino a 0,50 mc/mq in presenza di particolari esigenze aziendali, purché le opere siano ubicate ad una distanza dal perimetro urbano di 1.000 m;
    5. 0,20 mc/mq nel caso di interventi unitari di cui alle lettere a) e d);
    6. per tutti gli interventi di cui alle lettere a), b), c), d), e), dovrà essere sottoscritto apposito atto unilaterale d’obbligo;
    7. per interventi con indici superiori a quelli sopraindicati, o comunque con volumi superiori a

      3.000 mc, o con numero di addetti superiore a 20 unità, o con numero di capi bovini superiore alle 100 unità (o numero equivalente di capi di altra specie) la realizzazione dell'intervento è subordinata, oltre che a conforme Deliberazione del Consiglio Comunale, al parere favorevole dell'Assessorato Regionale competente, che dovrà essere espresso entro 30 giorni dal ricevimento della pratica.

    8. la superficie accessoria massima non potrà eccedere il 20% della superficie lorda utile in progetto per non essere computata ai fini volumetrici;

      1. quando per tali opere si supera l'indice di 0,10 mc/mq, è necessario il conforme parere oltre che dell'organo urbanistico regionale anche dell'organo tecnico regionale competente in materia di agricoltura nell'ambito del territorio interessato, che devono verificare l'effettiva destinazione d'uso agricolo dell'opera entro il termine di 60 giorni dalla presentazione dell'istanza;
      2. qualora venga richiesta la Concessione Edilizia per la realizzazione di nuove strutture aziendali comprendenti l'attività agrituristica, sono ammessi tre posti letto per ettaro con destinazione agrituristica. Per ogni posto letto va computata una cubatura massima di 50 mc. Le volumetrie per i posti letto con destinazione agrituristica sono aggiuntive rispetto ai volumi massimi ammissibili per la residenza nella medesima azienda agricola in cui si esercita l'attività agrituristica.
  6. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO:

    1. 10% per i fabbricati ed impianti connessi alla conduzione agricola e zootecnica del fondo, all'itticoltura, alla valorizzazione e trasformazione dei prodotti aziendali;
    2. 50% per le serre fisse, caratterizzate da strutture murarie fuori terra, nonché gli impianti di

      acquacoltura e per agricoltura specializzata, senza limiti, al contempo, di volumetria;

    3. 20% per i fabbricati per allevamenti zootecnico-intensivi e insediamenti di tipo agro- industriale, ivi comprese le superfici accessorie quali tettoie per ricovero mezzi, animali all’aperto, pagliai e simili. Le serre fisse, senza strutture murarie fuori terra, sono considerate a tutti gli effetti strutture di protezione delle colture-agrarie con regime normato dall’art. 878 del C.C. per quanto attiene le distanze dai confini di proprietà.
    4. per le attività di cui al precedente lett h comma 3 la superficie interessata non può eccedere il 15%. Nel 15% rientrano tutte superfici coperte ancorché realizzate per motivi temporanei legati all’attività stagionale.
  7. ALTEZZA MASSIMA: 6 m, calcolata all’estradosso del solaio di copertura. Possono essere realizzati al massimo due piano fuori terra incluso l’eventuale piano seminterrato. Sono vietati i locali deposito su più livelli;
  8. TIPOLOGIE EDILIZIE:

    1. sono libere purché risultino validamente inserite nell’agro selargino e semprecchè conformi alle leggi ed ai regolamenti speciali vigenti per il tipo di strutture da realizzare. In ogni caso dovrà essere privilegiata la tipologia di casa campidanese;

    2. le coperture devono essere del tipo inclinato e obbligatoriamente rivestite in tegole del tipo a coppo sardo;
    3. tutti gli interventi dovranno prevedere la maggior parte del fondo sistemata a verde con alberature di alto fusto e con essenze tipiche del posto onde ricostruire il paesaggio (mandorli, olivi, viti o alberi da frutta locale albicocche, susine ecc.);
    4. Le preferibilmente dovranno essere del tipo a siepe di ficodindia. La recinzione alla viabilità principale se non in ficodindia dovrà essere dovrà avere un muretto in roccia per un altezza di un metro e per il restante metro rete ad aria passante.
  9. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI DEL LOTTO:

    1. i distacchi delle costruzioni dal filo delle strade pubbliche del territorio non devono essere inferiori a: 30 m per le strade statali, 20 m per le strade provinciali, 15 m per le strade comunali, 10 m per le strade di penetrazione del lotto.
    2. è consentito costruire in aderenza previo nulla osta del proprietario confinante;
    3. i nuovi fabbricati per allevamenti zootecnico-intensivi devono distare almeno 50m dai confini di proprietà. Detti fabbricati debbono distare altresì 1000m se trattasi di allevamento per suini, 600 m per avicunicoli e 300 m per bovini, ovicaprini ed equini, dal limite delle zone territoriali A, B, C, G. Le predette distanze dovranno essere rispettate anche per le zone D qualora i piani attuativi delle zone artigianali prevedano attività di tipo commerciale

      e/o servizi alla persona;

    4. le distanze di cui al punto precedente non si applicano agli impianti di acquacoltura e itticoltura e ai fabbricati di loro pertinenza.
    5. gli interventi di cui alla lett h del precedente comma 3 devono avere una distanza dal confine del lotto di almeno 50 metri.
  10. PARCHEGGI PRIVATI: si rimanda all’art. 31 del Regolamento Edilizio.
  11. FRAZIONAMENTI:

    1. sono ammessi, nel rispetto dei parametri urbanistico-edilizi, sia per i lotti liberi che per quelli interessati da fabbricati;
    2. il concessionario di un agriturismo deve impegnarsi a non frazionare una superficie non inferiore a 3 ettari individuata nel progetto.

Articolo: 16 - ZONA G - SERVIZI GENERALI

  1. DEFINIZIONE:

    1. la zona è destinata ad accogliere attrezzature sociali e collettive (per l'istruzione, la sanità, la pubblica amministrazione, il culto e lo spettacolo), di interesse generale cittadino.
    2. la zona G è suddivisa nelle seguenti sottozone:

      • Sottozona G1 – Servizi generali di tipo direzionale, sportivo, connessi alla mobilità, alle attività produttive industriali e commerciali, sanitario e socio sanitario o a questi connessi. Di tipo ricettivo e para-ricettivo, Di supporto alle infrastrutture idriche e di smaltimento delle acque meteoriche;
      • Sottozona G2 – Parchi, strutture per lo sport e il tempo libero;
      • Sottozona G4 – Infrastrutture di trasmissione energia a livello regionale;
      • Sottozona G1.6/I Servizi generali integrati con la residenza.
    3. Previsione nuove zone G

      L’amministrazione comunale ha individuato una parte del territorio per future aree di servizi generali laddove quelle prevista nel Piano non fossero sufficienti a soddisfare la domanda da parte dei privati o delle pubbliche amministrazioni. L’area individuata è quella compresa tra la SS 554 e la SS 387 per una profondità verso nord di circa 400 metri. L’area è servita dalla metropolitana di superficie.

    4. Nelle nuove zone “G” a ridosso della nuova zona artigianale commerciale “D”, in attesa che venga adeguato e/o potenziato l’impianto fognario per lo smaltimento delle acque reflue, dovrà essere realizzato l’impianto di depurazione delle acque dimensionato per soddisfare il fabbisogno insediativo delle Zone “G” e “D”.
  2. INTERVENTI AMMISSIBILI:

    1. in assenza di piani attuativi negli edifici esistenti sono ammessi gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria e restauro conservativo;
    2. in presenza di piani attuativi di iniziativa pubblica o privata sono ammessi tutti gli interventi di cui all’art. 3 del DPR 380/01;
  3. DESTINAZIONI D’USO: Servizi generali, commerciali, per lo sport, direzionali, sanitarie e socio sanitarie e di supporto alle infrastrutture sovracomunali.
  4. INDICE DI FABBRICABILITÀ TERRITORIALE:

    1. 0,01 mc/mq;
    2. l’indice di cui alla lettera a) è elevabile sino a 0,20 mc/mq, con deliberazione di Consiglio Comunale;
    3. nelle sottozone G1.4, G1.6/I, G1.8, G1.18, G1.36 e G1.42 l’indice di fabbricabilità territoriale è pari a 0,01 mc/mq, incrementabile a 0,20 mc/mq con deliberazione di Consiglio Comunale. In caso di accordi sostitutivi ex art. 11 della L.241/90 l’indice di fabbricabilità territoriale può essere elevato sino a un massimo 2,00 mc/mq;
    4. nelle sottozone G1.5 l’indice di fabbricabilità territoriale è pari a 0,01 mc/mq. In caso di accordi sostitutivi ex art. 11 della L.241/90 l’indice di fabbricabilità territoriale può essere elevato sino a 0,10 mc/mq. La potenzialità edificatoria di tali aree in caso di accordi sostitutivi dovrà essere ubicata nella G1.18.
  5. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO: 50%.
  6. ALTEZZA MASSIMA: 18 m. Lo sviluppo del tipo estensivo é subordinato al rispetto di eventuali norme per le specifiche attrezzature o servizi da insediare ed alle possibilità di rispettare i beni di tipo archeologico e ambientale.
  7. TIPOLOGIE EDILIZIE:

    1. sono libere, semprecchè conformi alle leggi ed ai regolamenti speciali vigenti per il tipo di attrezzature o servizi da insediare;
    2. tutte le aree non coperte dovranno essere sistemate a giardino.
  8. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI SU STRADA: 15 m, fatte salve le prescrizioni di cui al

    D. Lgs. n°285 del 30/04/1992 e ss.mm.ii. (Codice della Strada).

  9. DISTACCO MINIMO DAI CONFINI DEL LOTTO: 5 m e la metà dell’altezza dell’edificio quando questa supera i 10 m.
  10. PARCHEGGI PRIVATI: si rimanda all’art. 31 del Regolamento Edilizio.
  11. DISLOCAZIONE DELLE VOLUMETRIE NELLA SOTTOZONA G1.36: lo studio del piano attuativo, oltre a garantire la tutela dei beni storico culturali e ambientali, dovrà essere condotto in modo tale che i volumi siano ubicati lontano da fonti di rumore e/o da traffico.
  12. STANDARD:
  1. si rimanda all’art. 29 delle presenti NTA per quanto concerne le definizioni, gli interventi ammissibili, le destinazioni d’uso, gli indici e i parametri urbanistici;
  2. la distribuzione delle aree destinate a standard nelle sottozone G1.4, G1.6/I, G1.8, G1.18, e G1.42 dovrà tener conto dell’effettiva fruibilità secondo la specifica destinazione (S1, S2, S3, S4), privilegiando l’accorpamento delle stesse; la cessione per standard “S” in queste sottozone è pari al 26% della superficie territoriale. Nella zona omogenea G1.6/I per la quota parte destinata a residenza dovranno essere individuati standard (S1,S2,S3 e S4) pari a 18 mq per abitante in aggiunta al 26% della zona G.
  3. La zona omogenea G1.36 è interessata dalla realizzazione dei corridoi verdi congiuntamente alle zone omogenee C3.1 e C3.4. La pianificazione attuativa dovrà tener conto tra gli altri della ipotesi di studio di cui alla Tav. 12 del progetto di piano. La cessione per standard non potrà essere inferiore al 41% della superficie territoriale.
  4. per gli edifici commerciali e direzionali a 100 mq di superficie lorda di pavimento di edifici previsti deve corrispondere la quantità minima di 80 mq di spazio pubblico o ad uso pubblico, escluse le sedi viarie, di cui almeno la metà destinata a parcheggi.

Articolo: 17 - SOTTOZONA G1 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO

  1. Comprendono le strutture per l’istruzione superiore (ad esempio: scuola secondaria superiore, università), per la ricerca e la sanità (laboratori, ospedali, cliniche), per la cultura (ad esempio: musei, padiglioni per mostre), direzionali (ad esempio: credito, comunicazioni, uffici). Per lo sport Campi sportivi a livello regionale e/o Nazionale;
  2. Il PUC individua le seguenti attrezzature di servizio:

    1. G1.1 – Campo nomadi;
    2. G1.2 – Campus della scienza della tecnica e dell’ambiente (ex Polveriera);
    3. G1.3 – Cimitero di nuova previsione in località Su Pezzu Mannu, subordinato alla formazione di un apposito Piano Regolatore Cimiteriale, che oltre a quanto previsto per le restanti sottozone G1 dovrà rispettare l’altezza massima di 4m per le costruzioni funerarie;
    4. G1.4 – Area a ridosso della S.S. 554 vicino al PRU in località Su Pezzu Mannu, subordinata alla formazione di un piano attuativo di iniziativa pubblica o privata, attivabile anche attraverso la definizione di accordi sostitutivi ex art. 11 della L.241/90 per l’attuazione di un comparto comprendente anche la sottozona G1.8.
    5. G1.5 – Area interne allo svincolo a quadrifoglio destinate a servizi generali a supporto dell’invarianza idraulica che l’amministrazione intende acquisire attraverso l’attivazione di accordi sostitutivi ex art 11 L.241/90 subordinati alla formazione di un piano attuativo di iniziativa pubblica o privata, per l’attuazione di un comparto comprendente anche le sottozone G1.18/a,b,c;
    6. G1.6/I –Area delimitata dalla S.S. 131/dir, dalla sottostazione dell’ ENEL, dal PRU Is Corrias e dalla viabilità intercomunale, destinata a servizi generali integrati con la residenza, subordinata alla formazione di un piano attuativo di iniziativa pubblica o privata, attivabile anche attraverso la definizione di accordi sostitutivi ex art. 11 della L.241/90 per l’attuazione di un comparto a se stante. La volumetria per la residenza dovrà essere ubicata a fronte strada della viabilità a ridosso del PRU di Is Corrias;
    7. G1.7 – Area destinata a servizi in località Is Corrias, delimitata dalla S.S.131/dir, dalla sottostazione dell’Enel e dal confine con il Comune di Cagliari, interessata da un intervento edificatorio peri il quale non è consentito nessun aumento di volume. In caso di demolizione dovranno essere rispettate le norme della Zona G;
    8. G1.8 – Area in Via Piero della Francesca, in località Su Planu. L’area potrà essere attuata mediante accordi sostitutivi in abbinamento con l’area G1.4 ;
    9. G1.9 – Lotti già destinati a uffici e locali commerciali in Via Piero della Francesca, in località Su Planu;
    10. G1.10 – Lotti già destinati a uffici direzionali all’angolo tra le vie Piero della Francesca e Peretti, in località Su Planu;
    11. G1.11 – Lotto già destinato a distributore di carburanti per il quale oltre a quanto previsto per le restanti sottozone G1 si stabilisce specificatamente che:
        • l’indice di fabbricabilità territoriale può arrivare sino a 0,20 mc/mq, con deliberazione di Consiglio Comunale, al fine di favorire lo sviluppo dell’attività non-oil, e quindi consentire l’integrazione di edifici, manufatti per i servizi accessori ed attività commerciali, artigianali e di somministrazione alimenti e bevande di dimensioni contenute;
        • l’altezza massima dei fabbricati non dovrà superare i 3,5 m, ad eccezione della

          pensilina;

        • nel caso di attività commerciali, queste devono avere una superficie netta di vendita non inferiore a 30 mq in pianura e non superiore a quella degli esercizi di vicinato di cui all’art. 4, comma 1, lettera d), del D.Lgs. 114/98. Devono, comunque, essere rispettati gli indirizzi e i criteri eventualmente contenuti nello specifico Piano Commerciale Comunale;
        • gli impianti devono essere conformi alla normativa vigente;
    12. G1.12 – Lotti già destinati a servizi in Via Peretti, in località Su Planu;
    13. G1.13 – Lotti già destinati a servizi in Via Peretti, in località Su Planu;
    14. G1.14 – Parcheggio di pertinenza dell’ospedale Brotzu in via Peretti in località Su Planu;
    15. G1.15 – Area compresa tra la S.S.554 e la ferrovia, in parte già interessata dall’edificazione, subordinata alla formazione di un piano attuativo di iniziativa pubblica o privata, per la realizzazione di servizi complementari per la tratta della metropolitana di superficie. L’intera area dovrà essere sistemata in modo da prevedere la suddivisione tra parte già edificata e parte inedificata: nella prima i volumi dovranno rimanere invariati oppure potranno essere oggetto di trasformazione secondo quanto stabilito nel piano attuativo, nella seconda si dovrà prioritariamente tener conto delle fasce di rispetto stradali e ferroviaria;
    16. G1.16 – Lotto posto ad angolo tra la S.S.554 e la Via Nenni, già destinato a servizi di tipo commerciale artigianale. In assenza di Piano attuativo è previsto il mantenimento dell’esistente nel rispetto delle fasce stradali.
    17. G1.17 – Torrino piezometrico;
    18. G1.18/a,b,c Area subordinata alla formazione di un piano attuativo di iniziativa pubblica o privata, attivabile anche attraverso la definizione di accordi sostitutivi ex art. 11 della L.241/90 con il concorso delle sottozone G1.5. Il piano attuativo dovrà interessare l’intero comparto, definito dalla perimetrazione di cui all’Elaborato n°7 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano, ponendo a base dello studio le particolarità della zona ed in generale gli studi emersi nei tre assetti (ambientale, storico-culturale ed insediativo) del PUC. La zona è attraversata dalla metropolitana di superficie, a ridosso della SS 554 ha una vocazione per l’ubicazione di servizi di area vasta cagliaritana ma anche di cerniera con l’intero territorio regionale. Il piano attuativo dovrà prevedere a ridosso della metropolitana, un ampia area destinata a parcheggi di scambio con diverse funzioni a servizio delle strutture potenzialmente insediabili: trasporto merci; impianti sportivi; di tipo commerciale non alimentare, dello spettacolo, ecc.
    19. G1.19 – Lotto già destinato a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11;
    20. G1.20 – Lotto intercluso in località Terr’e Forru funzionale all’attività del G1.21
    21. G1.21 – Lotto già destinato a servizi sulla S.S.554;
    22. G1.22 – Lotto già destinato a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11;x) G1.23 – Lotto già destinato a servizi di ristorazione sulla S.S.554;
    23. G1.24 – Lotto già destinato a servizi socio ricreativi in Via Sant’Anna;
z) G1.25 – Cimitero esistente e area per il futuro ampliamento nel centro urbano principale, subordinato alla formazione di un apposito Piano Regolatore Cimiteriale, che oltre a quanto previsto per le restanti sottozone G1 dovrà rispettare l’altezza massima di 4m per le costruzioni funerarie;aa) G1.26 – Lotto già destinato a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11;bb)G1.27 – Lotto già destinato a servizi in Via Tazzoli e Don Minzoni;cc) G1.28 – Lotto già destinato in parte a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11.dd)G1.29 – Lotto già destinato a servizi all’angolo tra le vie Trieste e Venezia;ee) G1.30 – Lotti già destinati a servizi manutentivi automezzi tra le vie Trieste e Vienna;ff) G1.31 – Lotto già destinato a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11;gg) G1.32 – Lotto in Via Trieste già destinato a servizi. M.S.V. (Media Struttura di Vendita) di vendita alimentari;hh)G1.33 – Lotto già destinato a servizi in Via Trieste;
  1. G1.34 - Lotto già destinato a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11; jj) G1.35 – Lotto in Via Trieste già destinato a servizi di vendita alimentari (MSV);kk)G1.36 – Area subordinata alla formazione di un piano attuativo di iniziativa pubblica o privata, attivabile anche attraverso la definizione di accordi sostitutivi ex art. 11 della L.241/90 con il concorso delle sottozone G1.42. Il piano attuativo dovrà interessare l’intero comparto, definito dalla perimetrazione di cui agli elaborati n°7 e n° 12 della sezione del PUC intitolata Progetto di Piano, ponendo a base dello studio le particolarità della zona ed in generale gli studi emersi nei tre assetti (ambientale, storico-culturale ed

    insediativo) del PUC.

    ll) G1.37 – Lotto già destinato a servizi (Centro Salesiano) in località Santa Lucia;mm) G1.38 – Lotto già destinato a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11;nn) G1.39– Lotto destinato a servizi collegati al vicino distributore di carburanti (sottozona G1.38) per consentire l’integrazione di edifici, manufatti per i servizi accessori ed attività commerciali, artigianali e di somministrazione alimenti e bevande di dimensioni contenute; si applica pertanto la stessa norma della sottozona G1.11;oo) G1.40 – Lotto già destinato a distributore di carburanti, per il quale si applica la stessa norma della sottozona G1.11;pp) G1.41 – Lotto già destinato a servizi per l’istruzione superiore, nel quale si prevede la possibilità di modificare l’accesso alla scuola, in corrispondenza dell’area G1.42 al fine di migliorare le condizioni di sicurezza per la viabilità pubblica e per i fruitori della scuola.qq) G1.42 – Aree preordinate all’esproprio per pubblica utilità, per le quali è prevista una premialità volumetrica, nella sola ipotesi (condizione necessaria e indispensabile) di definizione di accordo sostitutivo, ex art. 11 Legge 241/90 e ss.mm.ii., per l’attuazione di un piano attuativo interessante un comparto comprendente anche la sottozona G1.36.

Articolo: 18 - RIPARTIZIONE DELLE VOLUMETRIE NEGLI INTERVENTI EX ART. 11 DELLA L.241/90 NELLE SOTTOZONE G1.4, G1.6/I, G1.8, G1.18, G1.36, G1.42.

  1. Nelle sottozone omogenee G1.4, G1.8, G1.18, G1.36, G1.42 la distribuzione della volumetria complessiva (100%) dovrà avvenire nel rispetto della seguente ripartizione:

    Volumi Privati per servizi generali (%) (VPr)

    Volumi Privati destinati a servizi generali ceduti gratuitamente all’Amm.ne Comunale (%) (VPrc)

    Volumi per servizi pubblici (%) (VPb)

    Massimo

    Minimo

    Minimo

    80%

    10%

    10%

  2. Nella sottozona omogenee G1.6/I Servizi generali integrati con la residenza la distribuzione della volumetria complessiva (100%) dovrà avvenire nel rispetto della seguente ripartizione.

    Servizi Generali con indice di 1,5 mc/mq

    Volumi per residenze 0,50 mc/mq

    Le volumetrie in caso di accordi sostitutivi per il quale c’è il premio volumetrico da 0,20 mc/mq a 2,00 mc/mq saranno così ripartiti.

    Per quanto riguarda i volumi per servizi generali con ift= 1,5 mc/mq

    Volumi Privati per servizi generali (%) (VPr)

    Volumi Privati destinati a servizi generali ceduti gratuitamente all’Amm.ne Comunale (%) (VPrc)

    Volumi per servizi pubblici (%) (VPb)

    Massimo

    Minimo

    Minimo

    80%

    10%

    10%

    Per quanto attiene a volumi destinati a edilizia residenziale con indice 0,50 mc/mq.

    70% volumi per abitazioni

    20% Volumi Connessi

    10% servizi Pubblici

    60%

    Volumi privati

    10%

    Volumi pubblici

    15%

    Volumi Privati

    5%

    Volumi Pubblici

    10%

    Volumi Pubblici

Articolo: 19 - STANDARD NELLE SOTTOZONE G1.4, G1.18 E G1.36

  1. Nelle sottozone omogenee G1.4 e G1.18 le cessioni per standard previste sono 26 % della superficie territoriale.
  2. Nella zona omogenea G1.36 la cessione minima per standard sarà pari al 41% della superficie territoriale.

Articolo: 20 - ZONA G: PROGRAMMI

  1. L'attuazione del PUC nelle zone G è articolata attraverso un programma operativo che l'Amministrazione Comunale deve formulare, e verificare nel tempo con cadenza quinquennale, al fine di stabilire una scala di priorità degli interventi sulla base della domanda e della fattibilità delle infrastrutture cinematiche e tecnologiche principali.
  2. In tal senso il Comune indicherà la graduatoria dei piani attuativi che intende promuovere e gli strumenti necessari per l'attuazione (Art. 13 della L. n. 10 del 28.01.1977 e successive integrazioni).
  3. Comunque i privati che intendessero anticipare i tempi programmati dall'Amministrazione Comunale, al fine di utilizzare le aree per servizi definite dal PUC, possono costituire un consorzio volontario e predisporre un piano di lottizzazione nel rispetto del PUC ai sensi dell'art. 41 del RE, a cui si rimanda.
  4. Per quanto concerne gli impegni della convenzione, si rimanda all’art.89 del RE.
  5. Le obbligazioni contenute negli accordi sostituitivi (ex articolo 11 della Legge 241/90 e ss.mm.ii.) dovranno prevedere almeno:
  1. per le Sottozone G1.4 e G1.8:

    • Convenzione ex art. 28 della Legge 1150 del 1942;
    • Oneri di allacciamento in aggiunta alla compartecipazione degli oneri di urbanizzazione secondaria come determinato dal Consiglio Comunale e/o dalla Giunta Comunale; tali oneri dovranno essere contenuti, sotto il profilo economico e finanziario, in modo tale che venga garantito l’equilibrio dell’investimento complessivo;
    • (Solo per i proprietari dell’area G1.8) cessione dell’area a titolo gratuito all’Amministrazione Comunale;
    • (Solo per i proprietari dell’area G1.4) accettare le volumetrie derivanti dall’area G1.8.
    • L’indice di fabbricabilità territoriale della Zona omogenea G1.4 sarà di 2 mc/mq. La potenzialità edificatoria, omogenea, delle ditte ricadenti nelle zone G1.4 e G1.8 sarà pari all’indice di fabbricabilità territoriale medio dato dalla volumetria sviluppabile nelle zone G1.4 con indice 2 mc/mq rapportato alla superficie complessiva data dalla sommatoria della G1.4 più la G1.8;
  • Impegno a cedere all’Amministrazione Comunale il 10% della volumetria per volumi connessi;
  • Cessioni di volumi per servizi pubblici pari al 10% della superficie territoriale;
  • Cessioni per standard di zona S pari 20% della superficie territoriale. b) per le Sottozone G1.5 e G.18:
  • Convenzione ex art. 28 della Legge 1150 del 1942;
  • Oneri di allacciamento in aggiunta alla compartecipazione degli oneri di urbanizzazione secondaria come determinato dal Consiglio Comunale e/o dalla Giunta Comunale; tali oneri dovranno essere contenuti, sotto il profilo economico e finanziario, in modo tale che venga garantito l’equilibrio dell’investimento complessivo;
  • (Solo per i proprietari dell’area G1.5) cessione dell’area a titolo gratuito all’Amministrazione Comunale;
  • (Solo per i proprietari dell’area G1.18) accettare le volumetrie derivanti dalle aree G1.5 sviluppate con un indice di fabbricabilità territoriale di 0,10 mc/mq;
  • L’indice territoriale delle zone G1.18, in presenza di accordi sostitutivi non potrà superare i 2 mc/mq.
  • Impegno a cedere all’Amministrazione Comunale il 10% della volumetria e rispettive aree per volumi connessi;
  • Cessione di volumi del 10% della volumetria totale per servizi Pubblici;
  • Cessioni di aree per standard di Servizi di 20% della superficie territoriale.
  1. per le Sottozone G1.6/I Servzi Generali integrati con la residenza

    • Convenzione ex art. 28 della Legge 1150 del 1942.
    • Oneri di allacciamento in aggiunta alla compartecipazione degli oneri di urbanizzazione secondaria come determinato dal Consiglio Comunale e/o dalla Giunta Comunale; tali oneri dovranno essere contenuti, sotto il profilo economico e finanziario, in modo tale che venga garantito l’equilibrio dell’investimento complessivo.
    • Dei 2 mc/mq, 0,50 mc/mq potranno essere utilizzati per edilizia abitativa. Il piano

      attuativo di iniziativa pubblica e/o privata dovrà prevedere la viabilità passante a ridosso della chiesa di San Tarcisio ed il centro Commerciale. La volumetria per la residenza dovrà essere ubicata a fronte strada della predetta viabilità a ridosso del PRU di Is Corrias.

    • Cessioni per standard pari al 26% della superficie territoriale, a tale 26% dovranno essere aggiunti gli standard per gli abitanti insediabili che è pari a 18 mq/ab.
    • L’indice di 0,50 mc/mq di edilizia abitativa dovrà essere suddiviso in:

      • 60% per abitazioni private;
      • 10% per abitazioni da cedere a titolo gratuito all’Amministrazione Comunale per ERP;
      • 15% per volumi connessi privati;
      • 5% per volumi connessi da cedere a titolo gratuito all’amministrazione comunale;
      • 10% per cessione volumi servizi pubblici. d) per le Sottozone G1.36 e G.42:
    • Convenzione ex art. 28 della Legge 1150 del 1942;
    • Oneri di allacciamento in aggiunta alla compartecipazione degli oneri di urbanizzazione secondaria come determinato dal Consiglio Comunale e/o dalla Giunta Comunale. Una parte dei maggiori oneri consistono nella realizzazione delle opere necessarie per garantire un corretto assetto idrogeologico e dell’invarianza idraulica. Tali oneri dovranno essere contenuti, sotto il profilo economico e finanziario, in modo tale che venga garantito l’equilibrio dell’investimento complessivo.
    • (Solo per i proprietari dell’area G1.42) cessione dell’area a titolo gratuito all’Amministrazione Comunale;
    • (Solo per i proprietari dell’area G1.36) accettare le volumetrie derivanti dall’area G1.42.
    • Per le zone G1.36 e G1.42 si avrà un indice di fabbricabilità territoriale omogeneo così determinato: volume del comparto G1.36 calcolato moltiplicando l’indice di fabbricabilità territoriale di 2 mc/mq per l’area della zona G.1.36 diviso per la sommatoria delle aree dei comparti G1.36 e G1.42.
    • Impegno a cedere all’Amministrazione Comunale il 10% per volumi connessi e relative aree;
    • Cessioni del 10% dei volumi per servizi pubblici;
    • Cessione di aree per standard di zona S pari a 41% della superficie territoriale.

Articolo: 21 - SOTTOZONA G2 - PARCHI, STRUTTURE PER LO SPORT E IL TEMPO LIBERO

  1. Comprende una sola area destinata al tempo libero in località Su Planu.
  2. L’indice di fabbricabilità fondiario è di 0,01 mc/mq, elevabile sino a 0,20 mc/mq, con deliberazione di Consiglio Comunale.
  3. L’incremento dell’indice territoriale oltre lo 0,20 mc/mq deve passare attraverso accordi sostitutivi ex art. 11 della legge 241/90, in base al quale i privati si impegnano a sostenere oneri congrui alla convenzione stipulata negli anni 80 per porre in essere l’esistente impianto sportivo.

Articolo: 22 - SOTTOZONA G4 - INFRASTRUTTURE A LIVELLO DI AREA VASTA

  1. Comprende gli impianti tecnologici necessari per il funzionamento degli agglomerati urbani (ad esempio: discariche, impianti di potabilizzazione, centrali elettriche).
  2. Il PUC individua le due seguenti infrastrutture:

    1. G4.1 – Sottostazione dell’ENEL in località Su Pardu;
    2. G4.2 – Sottostazione dell’ENEL in località Is Corrias.

Articolo: 23 - ZONA H - DI SALVAGUARDIA

  1. DEFINIZIONE: Le parti del territorio non classificabili secondo i criteri in precedenza definiti e che rivestono un particolare valore speleologico, archeologico, paesaggistico o di particolare interesse per la collettività, quali: fascia attorno agli agglomerati urbani, fascia di rispetto cimiteriale, fascia lungo le strade statali, provinciali e comunali.

    1. Nel territorio comunale sono presenti le seguenti due sottozone:

      • Sottozona H1 – di Salvaguardia Archeologica;
      • Sottozona H3 – di Salvaguardia Ambientale e di sicurezza.
  2. INTERVENTI AMMISSIBILI: gli edifici esistenti nella sottozona devono mantenere inalterato

    il volume complessivo. E' consentito tuttavia intervenire con opere di manutenzione ordinaria, straordinaria e restauro conservativo che non alterino il volume degli elementi costruttivi e distributivi.

  3. INDICE DI FABBRICABILITÀ TERRITORIALE: 0,001 mc/mq, con possibilità di deroga per attrezzature ed impianti pubblici.
  4. RAPPORTO DI COPERTURA MASSIMO: 30%.
  5. ALTEZZA MASSIMA: 4 m, pari ad un piano fuori terra.

Articolo: 24 - SOTTOZONA H1 - DI SALVAGUARDIA ARCHEOLOGICA

  1. Il PUC individua un’area di salvaguardia archeologica, coincidente con il perimetro di tutela integrale dell’insediamento Santa Rosa, individuato nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali.
  2. La disciplina relativa al perimetro di tutela integrale, che norma il trattamento delle aree interessate dalla presenza di un sito archeologico, prevede il divieto di qualsiasi attività di tipo edificatorio che comporti scavi, sbancamenti e tutti quei lavori connessi alla realizzazione di viabilità, condotte sotterranee e per l’irrigazione che non sia preceduta da indagini archeologiche preventive (scotico estensivo o saggi puntuali secondo le prescrizioni dettate dal Ministero per i Beni Culturali per tramite della Soprintendenza Archeologica per le Province di Cagliari e Oristano). Espletata tale procedura seguirà eventuale rilascio del nulla osta alla realizzazione dei lavori da parte delle autorità competenti. Si fanno salvi i distingui per ogni singolo bene per i quali si rimanda all’Elaborato 2 (Catalogo dei Beni Storico Culturali della RAS) della sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali.

Articolo: 25 - SOTTOZONA H3 - DI SALVAGUARDIA AMBIENTALE

1. Il PUC individua le seguenti aree di salvaguardia ambientale, coincidenti con: l’area di rispetto cimiteriale in località Su Pezzu Mannu e alcuni tratti di aree di rispetto stradale lungo la S.S.554.

Articolo: 26 - AREE A RISCHIO DA P.A.I. E AREE A FORTE ACCLIVITA’

  1. Lo studio del PAI su scala comunale ha evidenziato che sono presenti delle zone a rischio Hi secondo il Piano di Assetto Idrogeologico. Tali zone in parte coincidono con le previsioni del

    PUC di futura espansione o in aree già edificate e dotate di servizi di carattere generale. Lo studio ha altresì evidenziato che per mettere in sicurezza le zone edificate e dichiarate a rischio dal PAI sono necessari interventi di mitigazione, che da una valutazione tecnico economica, consigliano l’intervento di messa in sicurezza del Riu Nou con il sollevamento degli argini e/o il rifacimento dei ponti, piuttosto che la demolizione degli edifici esistenti: Impianto Sportivo Generale Porcu, Liceo Scientifico.

  2. In parte le nuove zone di espansione C e G, in località Paluna San Lussorio e Santa Lucia (catastalmente Su Pauli), sono interessate da aree di invaso con il relativo rischio che secondo le previsione del PAI risulterebbero inedificabili. La loro attuazione sotto il profilo urbanistico ed edilizio è subordinata all’esecuzione delle opere idrauliche di mitigazione, regimentazione e regolarizzazione del rischio idrogeologico. Inoltre, come detto nelle norme delle zone C e G di nuova espansione dovrà essere applicato il principio dell’invarianza idraulica con la realizzazione delle vasche di laminazione e dei serbatoi di raccolta delle acque piovane nei singoli lotti.
  3. Considerato che la trasformazione del territorio potrà avvenire solo con il concorso del privato, in corrispondenza delle aree a rischio vi sarà un doppio regime giuridico. In assenza di un intervento attuativo che affronti e risolva le problematiche legate al rischio idrogeologico il regime sarà quello del PAI. L’attuazione del Piano Attuativo come futura zona di espansione sarà subordinato alla dimostrazione dell’eliminazione del rischio idrogeologico. Tale studio dovrà avere l’approvazione dell’Autorità di Distretto Idrografico della Sardegna “Servizio Difesa del Suolo, Assetto Idrogeologico e Gestione del Rischio Alluvioni”.
  4. Nelle aree a pericolosità idraulica elevata (Hi3) e molto elevata (Hi4) da PAI, nei casi in cui è espressamente richiesto dalle NTA del PAI i progetti proposti per l’approvazione devono essere accompagnati da uno studio di compatibilità idraulica predisposto secondo i criteri indicati nel PAI stesso.
  5. Nelle aree a forte acclività, cioè quelle aventi pendenza naturale superiore o uguale al 40%, così come definite nell’art.31 delle NTA del PPR gli interventi consentiti sono solo quelli specificati nelle NTA del PAI a cui si rimanda. In esse sono preclusi gli interventi di nuova edificazione e comunque ogni trasformazione che ne comprometta l’equilibrio geomorfologico e idrogeologico.

Articolo: 27 - AREE R - DI RISPETTO

  1. Trattasi di Aree di Rispetto nelle quali non viene modificata la destinazione di zona.
  2. R1 – ARCHEOLOGICA: il PUC individua le aree di rispetto archeologico, coincidenti con il perimetro di tutela condizionata, individuato nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali, per i seguenti tre beni archeologici:

    1. H1.1 - Insediamento Santa Rosa 1;
    2. S3.5 - Necropoli pertinente al Complesso San Lussorio;
    3. S3 in C1.6 (PdZ Bie Palma-Seminariu) - Insediamento Bi'e Palma – Seminariu 1.
  3. La disciplina relativa al perimetro di tutela condizionata, pertinente al bene archeologico ubicato in area extraurbana (Insediamento Santa Rosa 1), ammette le attività agricole o pastorali. Nel caso di esecuzione di scavi, interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato o aree ancora inedificate, i concessionari dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché possa vigilare durante l'esecuzione dei lavori stessi e valutare, in maniera più precisa, l’indice di rischio archeologico. Sono ammesse attività di studio, ricerca, scavo stratigrafico e restauro, nonché interventi di trasformazione a queste connessi a cura degli enti competenti alla tutela dei beni archeologici. L’edificazione sulle aree inedificate è consentita per fondi di estensione non inferiore a 1,5 ettari, avendo cura di porre il fabbricato nella posizione di massima distanza dal perimetro di conservazione integrale, mentre all’interno dei lotti attualmente edificati è permessa la realizzazione di eventuali volumi finalizzati solo all’adeguamento di sopravvenuta normativa e sempre che gli stessi non possano essere realizzati all’interno dei fabbricati. Per le recinzioni e per i prospetti degli edifici esistenti, nel tempo ed in occasione di interventi edilizi, dovranno essere adottate le finiture e i colori degli edifici prospicienti tali da non sovrastare il bene tutelato ed evitare una policromia che dequalifichi il contesto. È vietato introdurre elementi tecnologici visibili sui prospetti prospicienti il complesso e apporre cartellonistica pubblicitaria. Le recinzioni sul fronte strada dovranno essere in fico d’india ovvero sistemati a muretti a secco o assimilati a tali tipologie.
  4. La disciplina relativa al perimetro di tutela condizionata pertinente ai due beni archeologici ricadenti nel centro abitato (Necropoli pertinente al Complesso San Lussorio, Insediamento Bi'e Palma – Seminariu 1) consente attività di tipo edificatorio, di indagine archeologica nonché interventi di trasformazione connessi a quest’ultima. Per le recinzioni e per i prospetti degli edifici esistenti, nel tempo ed in occasione di interventi edilizi, dovranno essere adottate le finiture e i colori degli edifici prospicienti tali da non sovrastare il bene tutelato ed evitare una policromia che dequalifichi il contesto. È fatto divieto di introdurre elementi tecnologici visibili sui prospetti prospicienti i beni e di apporre cartellonistica pubblicitaria. Anche in questo caso, per ogni singolo bene, sono presenti dei distingui per i quali si rimanda all’Elaborato 2 (Catalogo dei Beni Storico Culturali della RAS).
  5. R3 – PAESAGGISTICA: il PUC individua delle aree di rispetto paesaggistico, coincidenti con il perimetro di tutela condizionata individuato nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali, per i beni architettonici (Complesso San Lussorio; Chiesa SS.mo Salvatore; Cimitero; Croce giurisdizionale; Complesso Si' e Boi; Compendio ex polveriera di Cuccuru Angius).
  6. Fatta eccezione per la croce, che prevede una disciplina distinta, quella relativa al perimetro di tutela condizionata pertinente agli altri beni architettonici, per quanto riguarda le recinzioni ed i prospetti degli edifici esistenti, prevede sempre che, nel tempo ed in occasione di interventi

    edilizi, debbano essere adottate le finiture ed i colori degli edifici prospicienti tali da non sovrastare il bene tutelato ed evitare una policromia che dequalifichi il contesto. È vietato introdurre elementi tecnologici sui prospetti visibili dal bene. È vietato, inoltre, apporre cartellonistica pubblicitaria.

  7. Per le peculiarità di ogni singolo bene architettonico si rimanda all’Elaborato 2 (Catalogo dei Beni Storico Culturali della RAS), ciononostante si ribadisce che i futuri interventi dovranno essere orientati a perseguire:

    1. l’eliminazione di elementi e/o parti incongrue;
    2. il miglioramento delle aree pubbliche avendo come principio il minimo intervento con il massimo della funzionalità, mediante l’impiego di elementi di arredo urbano e di illuminazione pubblica idonei e tali da non sovrastare la percezione del bene;
    3. la conservazione e il miglioramento del verde, grazie a nuove sistemazioni che devono essere ispirate alla semplicità, razionalità e all’uso, preferibilmente, di materiali ed essenze locali.
  8. R3 – PAESAGGISTICA: il PUC individua delle aree di rispetto paesaggistico, coincidenti con la fascia di 150 m da ciascuna sponda o piede degli argini delle acque pubbliche vincolate; in tali aree è consentita l’edificazione, soggetta ad autorizzazione paesaggistica.
  9. R5 – CIMITERIALE: il PUC individua le aree di rispetto cimiteriali, nelle quali è preclusa l’edificazione, ma non viene modificata la destinazione di zona. Per il cimitero già esistente è stata riproposta l’area di rispetto cimiteriale già individuata dal PRG vigente e approvata della ASL competente, con le opportune modifiche sul lato nord in base al futuro ampliamento previsto nel PUC del perimetro di questo cimitero, mentre l’area di rispetto del nuovo cimitero in località Su Pezzu Mannu è pari a 200 m.
  10. R6 – STRADALE: il PUC individua le aree di rispetto stradali, in base alla classificazione delle strade contenuta nel Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) e secondo quanto stabilito dal Codice della Strada. In queste aree è preclusa l’edificazione, ma non viene modificata la destinazione di zona. Sui fabbricati esistenti sono ammissibili unicamente gli interventi di: manutenzione ordinaria; manutenzione straordinaria; restauro e risanamento conservativo; ristrutturazione edilizia interna. Lungo le fasce di rispetto stradale potranno essere realizzate stazioni di servizio per la fornitura di carburanti e i relativi servizi (bar, tabacchi, servizi igienici, etc.).

Articolo: 28 - AREE RA - A RISCHIO ARCHEOLOGICO

  1. Per quanto concerne la perimetrazione delle aree a rischio archeologico si rimanda alla sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali. I codici possono essere individuati nell’elaborato n° 10.

  2. AREE A RISCHIO ARCHEOLOGICO RICADENTI NEL CENTRO URBANO: le prescrizioni che riguardano le aree a rischio archeologico ricadenti nel centro urbano sono peculiari per ciascuna. In particolare si specifica che le aree (34) Insediamento Su Coddu - Canelles - San Lussorio –Su Tremini de Baxiu, (35) Insediamento San Salvatore – Serrianedda,

    (37) Insediamento Paluna – Via Trieste; e (41) Insediamento Bi'e Palma – Seminariu 2 si contraddistinguono, rispetto alle altre del centro urbano, per l’ampiezza della superficie occupata, interessata da aree di nuova espansione nel PUC, piani attuativi (sia già convenzionati e quasi del tutto attuati, sia ancora da convenzionare), lotti già edificati non facenti parte di piani attuativi. In considerazione di questa situazione si è reso necessario diversificare all’interno di queste aree, le modalità di intervento, finalizzate a garantire la massima tutela delle eventuali emergenze archeologiche presenti nel sottosuolo, suddividendole rispettivamente in 34A, 34B, 34C, 34D; 35A, 35B, 35C; 37A, 37B; 41A, 41B.

  3. Area (34) Insediamento Su Coddu - Canelles - San Lussorio –Su Tremini de Baxiu:

    1. (34 A) - Aree di nuova espansione: la porzione dell’area 34 indicata con la lettera A è interessata da proposta di nuova espansione, da assoggettare ad un intervento unitario, nel PUC. Questa zona, nella sua interezza, verrà sottoposta ad indagine archeologica preventiva, prioritariamente con l’esecuzione di saggi puntuali e, a seconda dei risultati, con scotico in estensione, secondo le disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica competente. La pianificazione attuativa è subordinata alle risultanze delle indagini archeologiche. Per quanto concerne i pochi lotti già edificati all’interno di questa vasta area, in caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in maniera più precisa l’indice di rischio archeologico.

      1. (34 B) - Piano attuativo suddiviso in comparti, in parte ancora da convenzionare: la porzione dell’area 34 indicata con la lettera B è interessata dal Piano di Risanamento Urbanistico Su Tremini de Baxiu, suddiviso in comparti edificatori in parte ancora da convenzionare. Ogni comparto sarà sottoposto, per tutta la sua ampiezza, preliminarmente alla realizzazione dei lavori, ad indagine archeologica preventiva con scotico in estensione o saggi, a seconda delle disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica competente. Espletata tale procedura, a seconda dei risultati occorsi e salvo diversa indicazione della Soprintendenza Archeologica di competenza, si potrà procedere con l’esecuzione dei lavori. La specificazione della procedura sopra descritta dovrà fare parte integrante della convenzione che verrà stipulata tra Comune e Lottizzanti. Per quanto concerne i lotti già edificati, per i quali non si disponga del nulla osta di cui sopra, in caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in

        maniera più precisa l’indice di rischio archeologico. I lotti già edificati, per i quali è stato concesso regolare nulla osta dalla Soprintendenza Archeologica, non sono soggetti ad alcuna prescrizione”.

      2. (34 C) - Piani attuativi convenzionati e quasi del tutto attuati: la porzione dell’area 34 indicata con la lettera C è interessata da due piani di lottizzazione convenzionati e in gran parte già attuati, denominati Su Coddu (incluso interamente) e Canelles (incluso solo in parte). La quasi totalità dell’area è stata sottoposta ad indagine archeologica preventiva e a successivo scavo stratigrafico in seguito al quale è stato concesso, per ogni singolo lotto indagato, regolare nulla osta dalla Soprintendenza Archeologica alla realizzazione dei lavori. I lotti appena citati, dunque, non sono soggetti ad alcuna prescrizione. I lotti singoli non ancora edificati saranno sottoposti, in tutta la loro interezza, preliminarmente alla realizzazione di qualsiasi lavoro che vada ad intaccare il suolo, ad indagine archeologica preventiva nelle modalità dello scotico in estensione. Effettuata tale verifica e dopo l’eventuale esecuzione dello scavo stratigrafico, a seconda dei risultati occorsi si potrà procedere con l’esecuzione dei lavori salvo diversa indicazione della Soprintendenza Archeologica di competenza. Per quanto concerne i lotti già edificati, per i quali non si disponga del nulla osta di cui sopra, in caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in maniera più precisa l’indice di rischio archeologico.
      3. (34 D) – Lotti già edificati non facenti parte di piani attuativi: la porzione dell’area 34 indicata con la lettera D è interessata da lotti edificati non facenti parte di piani attuativi. In caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in maniera più precisa l’indice di rischio archeologico.
  4. Area (35) Insediamento San Salvatore – Serrianedda:

    1. (35A) Piano attuativo da convenzionare: la porzione dell’area 35 indicata con la lettera A è interessata da un piano di lottizzazione denominato “Sa Serrianedda” attualmente interessato da una “Variante di assestamento” adottata con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 41 del 22/03/2010. La lottizzazione sarà sottoposta, per tutta la sua ampiezza, preliminarmente alla realizzazione dei lavori, ad indagine archeologica preventiva con scotico in estensione o saggi, a seconda delle disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica di competenza. Espletata tale procedura, a seconda dei risultati occorsi e salvo diversa indicazione della Soprintendenza Archeologica di competenza, si potrà procedere con l’esecuzione dei lavori. La specificazione della procedura sopra descritta dovrà fare parte integrante della convenzione che verrà stipulata tra Comune e Lottizzanti. Per i lotti già edificati e assoggettati a condono, stralciati dalla lottizzazione in esame, in caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità

      maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in maniera più precisa l’indice di rischio archeologico.

    2. (35B) Aree di nuova espansione: la porzione dell’area 35 indicata con la lettera B è interessata da proposta di nuova espansione, da assoggettare ad un intervento unitario, nel PUC. Questa zona, nella sua interezza, verrà sottoposta ad indagine archeologica preventiva, con l’esecuzione di scotico in estensione o saggi secondo le disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica competente. La pianificazione attuativa è subordinata alle risultanze delle indagini archeologiche.
    3. (35C) Lotti in gran parte edificati non facenti parte di piani attuativi: la porzione dell’area 35 indicata con la lettera C è interessata in gran parte da lotti già edificati non facenti parte di piani attuativi e, da alcuni lotti isolati non edificati. Per quanto concerne i lotti già edificati in caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in maniera più precisa l’indice di rischio archeologico. Per quanto riguarda, invece, i lotti singoli non ancora edificati saranno sottoposti, in tutta la loro interezza, preliminarmente alla realizzazione di qualsiasi lavoro che vada ad intaccare il suolo, ad indagine archeologica preventiva nelle modalità dello scotico in estensione. Effettuata tale verifica e dopo l’eventuale esecuzione dello scavo stratigrafico, a seconda dei risultati occorsi si potrà procedere con l’esecuzione dei lavori salvo diversa indicazione della Soprintendenza Archeologica di competenza.
  5. Area (37) Insediamento Paluna – Via Trieste:

    1. (37 A) - Aree di nuova espansione: la porzione dell’area 37 indicata con la lettera A è interessata da proposta di nuova espansione, da assoggettare ad un intervento unitario, nel PUC. Questa zona, nella sua interezza, verrà sottoposta ad indagine archeologica preventiva, prioritariamente con l’esecuzione di saggi puntuali e, a seconda dei risultati, con scotico in estensione, secondo le disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica competente. La pianificazione attuativa è subordinata alle risultanze delle indagini archeologiche.
    2. (37B) - Piani attuativi convenzionati e quasi del tutto attuati: la porzione dell’area 37 indicata con la lettera B è interessata da piani attuativi convenzionati e quasi del tutto attuati. I lotti singoli non ancora edificati saranno sottoposti, in tutta la loro interezza, preliminarmente alla realizzazione di qualsiasi lavoro che vada ad intaccare il suolo, ad indagine archeologica preventiva nelle modalità dello scotico in estensione. Effettuata tale verifica e dopo l’eventuale esecuzione dello scavo stratigrafico, a seconda dei risultati occorsi si potrà procedere con l’esecuzione dei lavori salvo diversa indicazione della Soprintendenza Archeologica di competenza. Per quanto concerne i lotti già edificati in

    caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in maniera più precisa l’indice di rischio archeologico.

  6. "
  7. Area (38) Insediamento Salux – Santu Luxori:l’area in esame, a partire dal 2001, è soggetta ad indagine archeologica preventiva (scotico in estensione), preliminarmente alla realizzazione di qualsiasi tipo di intervento. Tale attività ha interessato e interessa, di volta in volta, i singoli lotti dei privati e le aree per servizi pubblici. Pertanto i proprietari dei lotti inedificati, preliminarmente alla realizzazione di qualsiasi attività che comporti scavi o sbancamenti finalizzati a diverse necessità, come realizzazione di manufatti e sottoservizi, dovranno provvedere all’indagine archeologica preventiva, scotico in estensione, a seconda delle disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica. Espletata tale procedura seguirà eventuale rilascio del nulla osta alla realizzazione dei lavori da parte delle autorità competenti. I lotti già edificati, per i quali è stato concesso regolare nulla osta dalla Soprintendenza Archeologica, non sono soggetti ad alcuna prescrizione.
  8. Area (41) Insediamento Bi'e Palma – Seminariu 2:

    1. (41 A) - Aree di nuova espansione: la porzione dell’area 41 indicata con la lettera A è interessata da proposta di nuova espansione, da assoggettare ad un intervento unitario, nel PUC. Questa zona, nella sua interezza, verrà sottoposta ad indagine archeologica preventiva, prioritariamente con l’esecuzione di saggi puntuali e, a seconda dei risultati, con scotico in estensione, secondo le disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica competente. La pianificazione attuativa è subordinata alle risultanze delle indagini archeologiche.
    2. (41B) - Piani attuativi convenzionati e quasi del tutto attuati: la porzione dell’area 41 indicata con la lettera B è interessata da un piano attuativo convenzionato e quasi del tutto attuato. I lotti singoli non ancora edificati saranno sottoposti, in tutta la loro interezza, preliminarmente alla realizzazione di qualsiasi lavoro che vada ad intaccare il suolo, ad indagine archeologica preventiva nelle modalità dello scotico in estensione. Effettuata tale verifica e dopo l’eventuale esecuzione dello scavo stratigrafico, a seconda dei risultati occorsi si potrà procedere con l’esecuzione dei lavori salvo diversa indicazione della Soprintendenza Archeologica di competenza. Per quanto concerne i lotti già edificati in caso di scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i proprietari di ciascuno dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e valutare in maniera più precisa l’indice di rischio archeologico.
  9. Area (42) Insediamento Bi'e Palma 3: nell’area in esame, in parte incolta e in parte piantumata, preliminarmente alla realizzazione di qualsiasi attività che comporti scavi o sbancamenti finalizzati a diverse necessità, come la realizzazione di manufatti e sottoservizi, si dovrà

    provvedere all’indagine archeologica preventiva, scotico in estensione o saggi, a seconda delle disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica. Espletata tale procedura seguirà eventuale rilascio del nulla osta alla realizzazione dei lavori da parte delle autorità competenti.

  10. Area (43) Insediamento preistorico Via Atene: nell’area in esame, interessata da viabilità, da una piazzetta attrezzata con verde pubblico e giochi per bambini e da una parte incolta, qualora si dovessero eseguire scavi o sbancamenti finalizzati a diverse necessità, dovranno essere preceduti da attività di indagine archeologica preventiva, scotico in estensione o saggi, a seconda delle disposizioni dettate dalla Soprintendenza Archeologica. Espletata tale procedura seguirà eventuale rilascio del nulla osta alla realizzazione dei lavori da parte delle autorità competenti.
  11. Area (57) San Giuliano e (56) Ex Casa Collu; (51) Ex Carceri Aragonesi) e (54) Scuola Via Dante: nelle aree in esame, per la maggior parte già edificate, qualora si dovessero eseguire scavi interessanti strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato o al piano di calpestio (per quanto riguarda le parti non edificate), se ne dovrà dare comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché questa possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi, approntare una più mirata valutazione del rischio e rilasciare l’eventuale nulla osta per la realizzazione dei lavori.
  12. AREE A RISCHIO ARCHEOLOGICO RICADENTI IN TERRITORIO EXTRA URBANO:

    (1) Insediamento Cuccuru Sa Mandara; (2) Insediamento Santa Rosa 2; (5) Insediamento Baccu Lau1; (7) Insediamento Su Staini 1; (11) Insediamento Campu S'ureu; (12) Insediamento Cuccuru Matta Masonis; (18) Insediamento Sa Sitzia; (23) Insediamento Cuccuru Angius; (24) Insediamento Su Stracoxiu 2; (30) Insediamento Su Coddu de Pitzus; (31) Insediamento Serriana de Pitzus; (25) Insediamento S’ecca Lepuris 1; (26) Insediamento S’ecca Lepuris 2;

    (27) Insediamento Cuccuru Sugna; (28) Insediamento Su Stracosciu 1; (33) Stazione preistorica Cuccuru Serra - Su Pezzu Mannu.

  13. Nelle aree riconosciute a rischio archeologico individuate in territorio extraurbano nel caso si debbano effettuare scavi e sbancamenti per la realizzazione di manufatti e/o finalizzati alla realizzazione di viabilità, condotte sotterranee e per l’irrigazione o, in caso di fabbricati, qualora gli scavi interessino strati di terreno aventi profondità maggiore rispetto all’attuale edificato, i concessionari dovranno darne comunicazione alla Soprintendenza Archeologica di competenza venti giorni prima della dichiarazione di inizio lavori, affinché possa predisporre l’eventuale sorveglianza dei lavori stessi e una più mirata valutazione del rischio. L’attività agricola ordinaria è libera.

Articolo: 29 - AREE S – STANDARD URBANISTICI

  1. DEFINIZIONE: Spazi pubblici per le attrezzature di uso collettivo di interesse cittadino, che dovranno essere assicurati per ogni abitante insediato o da insediare. Sono aree cedute

    gratuitamente all’Amministrazione Comunale o acquisite al patrimonio pubblico e costituiscono patrimonio pubblico indisponibile. L’intervento del privato è ammesso nei modi e nelle forme previste dal D.Lgs. n°163/2006 ( Codice dei Contratti).

  2. INTERVENTI AMMISSIBILI:

    1. si articolano in:

      • Aree S1 - attrezzature per l'istruzione;
      • Aree S2 - attrezzature di interesse comune;
      • Aree S3 - spazi pubblici attrezzati a parco e per il gioco e lo sport;
      • Aree S4 - parcheggi pubblici;
    2. in tutte le aree per standard, qualsiasi intervento edilizio deve essere realizzato dalla Pubblica Amministrazione, nelle forme di legge, oppure inquadrarsi nell'ambito di un piano di lottizzazione convenzionato da attuarsi nelle forme e nei modi previsti dal D.Lgs. 163/2006 e del suo regolamento di attuazione il DPR 207/2010.
  3. DESTINAZIONI D’USO:

    1. le aree S1 comprendono asili nido, scuole materne e scuole dell’obbligo;
    2. le aree S2 comprendono sedi religiose, culturali, sociali, assistenziali, sanitarie, amministrative, per pubblici servizi (uffici P.T., protezione civile, ecc.);
    3. le aree S3 comprendono le aree effettivamente utilizzabili per gli impianti in questione con esclusione di fasce verdi lungo le strade;
    4. le aree S4 comprendono i parcheggi pubblici;
    5. in considerazione della specifica destinazione d'uso gli interventi edilizi di sistemazione dell'area devono rispondere alla normativa speciale vigente per ogni tipo di attrezzatura, per quanto concerne: tipologia edilizia, rapporti di copertura, distacchi, indici di fabbricabilità.
  4. INDICE DI FABBRICABILITÀ FONDIARIO: ove nella normativa specifica non sia chiaramente definito l'indice di fabbricabilità fondiario si applica:

    1. per le aree S1 e S2 iff= 2 mc/mq;
    2. per le aree S3, S4 ift= 0,03 mc/mq.
  5. In caso di comprovata utilità sociale sono consentiti interventi diretti per attrezzature per lo sport (con impianti scoperti e coperti) purché facciano parte di uno studio particolareggiato da convenzionare con il Comune al fine di garantire:

    1. l'uso collettivo dell'attrezzatura e le modalità di gestione;
    2. le quote di verde pubblico che in ogni caso non possono essere inferiori al 50% dell'area;
    3. la viabilità di accesso ed ampie aree di sosta pubblica;
    4. edifici di abitazione, ove richiesti, per il personale di custodia (max di 300 mc per ogni impianto).
    5. la cessione all’amministrazione di tutte le aree al termine del periodo della gestione;
  6. Per le aree S3 qualora l'intervento si attui attraverso Piano Particolareggiato l'indice di fabbricabilità territoriale è incrementabile fino a 0,10 mc/mq. Il verde attrezzato dovrà essere dotato di camminamenti, impianti di irrigazione completi di serbatoi di accumulo e d’impianto di pressurizzazione;
  7. Come detto per le zone omogenee C, D e G le zone S3 dovranno concorrere al mantenimento dell’invarianza idraulica, pertanto tutte le opere edili quali: marciapiedi, camminamenti, piazzali dovranno garantire la massima permeabilità così come risultante dallo studio del piano attuativo. I tali aree dovranno essere ubicate le vasche di laminazione.
  8. Le modalità di assegnazione delle aree deve seguire le forme pubblicistiche quali: project financing, sponsorizzazioni, concessioni il tutto come disciplinato dal codice dei contratti il D.Lgs. 163/2006 e dal suo regolamento di attuazione il DPR 207/2010;
  9. Per i due beni archeologici, Necropoli pertinente al Complesso San Lussorio (area S3.5 di Zona

    A) e Insediamento Bi'e Palma – Seminariu 1 (area S3 di Zona C), vale quanto previsto all’art. 26, comma 2 delle presenti NTA, nonché tutto quanto previsto nel dettaglio nella sezione del PUC intitolata Beni Storico Culturali.

  10. Le aree destinate a parcheggio S4 dovranno garantire il massimo della permeabilità come risultante dagli studi dei piani attuativi in relazione al principio dell’invarianza idraulica. Anche su tali aree potranno essere ubicate le vasche di laminazione necessarie a ridurre, regolamentare e differenziare il deflusso delle acque meteoriche al termine delle precipitazioni intense. Le vasche di laminazione dovranno essere utilizzate per la raccolta delle acque piovane per il loro utilizzo a fini irrigui delle aree a verde attrezzato o in generale per usi pubblici non serviti da acqua potabile.
  11. definizione delle destinazioni d’uso delle aree destinate a pubblica istruzione e servizi pubblici.

    In fase di studio di ogni singolo piano attuativo dovrà essere condotto uno studio socio- economico per l’individuazione delle destinazioni d’uso necessarie per il quartiere e per la realtà su scala comunale. E ciò in ragione della non é facile e possibile individuazione aprioristica delle destinazioni d’uso.

  12. L’analisi urbana inerente il dimensionamento degli standard del Piano Urbanistico Comunale

    dimostra che gli standard per quei lotti interclusi e a concessione edilizia, delle diverse zone “C”, sono garantiti nel dimensionamento complessivo del piano. In sostanza i lotti interclusi nelle zone “C” in piani attuativi già definiti sono, ai fini del dimensionamento, equiparati alle zone “A” e “B”. Dovendo quindi l’Amministrazione Comunale acquisire le aree per garantire i servizi anche per tale carico antropico, il rilascio del titolo edilizio è subordinato alla monetizzazione delle aree non cedute.

  13. Nelle zone D e G in fase di studio di piano attuativo dovranno essere studiate attentamente la posizione delle zone S soprattutto se destinate a servizi alla persona in modo che non siano esposte ai venti dominati e tenute lontane dalle attività pericolose, inquinanti e rumorose.
(c)2018 UrbisMap | Termini Servizio | PrivacyTorna Su